Notizie su mercato immobiliare ed economia

Le grandi città europee chiedono all'Europa un maggiore controllo su Airbnb a causa del suo impatto "disastroso" sul mercato

pixabay.com
pixabay.com
Autore: Redazione

Una ventina di città - tra cui Parigi, Barcellona e Valencia - hanno chiesto alla Commissione europea di rivedere la regolamentazione delle piattaforme di affitto di appartamenti turistici come Airbnb. I rappresentanti di queste città ritengono che le società di questo tipo abbiano un impatto "disastroso" sul mercato immobiliare ed è per questo che chiedono a Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione, maggiore vigilanza sulle loro azioni. A renderlo noto La Información.

Tra le proposte pubblicate dal Consiglio comunale della capitale francese, ne spiccano tre: riuscire a ottenere dati affidabili da piattaforme e proprietari che ne consentano un controllo efficace, l'assunzione di responsabilità da parte delle piattaforme circa i contenuti che mostrano e il rispetto degli obblighi imposti dalle leggi locali.

Secondo le grandi metropoli europee, è molto difficile contrastare gli affitti illegali, perché queste piattaforme di locazione turistica non condividono le loro informazioni con le amministrazioni locali. Inoltre, le 20 città accusano il quadro legislativo di essere obsoleto, perché attuato prima del "boom" dell'economia digitale.

 "Le nostre città riconoscono che il turismo è un'importante fonte di reddito e occupazione per molti e non sono contrarie a questo nuovo tipo di affitto. Tuttavia, l'affitto turistico di appartamenti privati ​​può avvenire solo in modo responsabile a meno che non ci sia la legislazione necessaria", si legge in una nota firmata da rappresentanti di città importanti come Amsterdam, Atene, Berlino, Bruxelles, Firenze, Londra, Milano o Vienna.

I firmatari hanno ritenuto che la futura legge sui servizi digitali, prevista entro la fine dell'anno, "rappresenti un'opportunità senza precedenti" per la Commissione europea al fine di affrontare questo "problema crescente", che a loro avviso ha interessato sia l'offerta che i prezzi del resto degli alloggi.