Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mercato turistico, cos'è e in che consiste l'effetto Billboard

Edeltravel_ da Pixabay
Edeltravel_ da Pixabay
Autore: Redazione

Il termine “billboard” è stato coniato nel 2009 dal prof. Chris Anderson per uno studio della Cornell University (Search, OTAs, and online booking: An expanded analysis of the billboard effect), all’interno del quale conclude che gli hotel che compaiono in piattaforme come Rentalia, Booking.com, Airbnb aumentando le vendite dirette sui loro siti web in una percentuale che oscilla tra il 7,5 e il 26%. Quindi, le strutture pubblicizzate su una OTA possono attirare più utenti sul loro sito web e aumentarne il traffico.

Va tenuto presente che i portali sono una vetrina e che, inoltre, investono milioni di dollari per posizionarsi su Google (di solito è molto difficile competere per determinate parole chiave).

Pertanto, è importante curare una buona descrizione degli alloggi che si pubblicizzano, nella quale non può mancare il nome dell’agenzia e il sito della struttura che si pubblicizza, in quanto renderà più facile per i viaggiatori trovare l’indirizzo web diretto dell’annuncio.

In ogni caso, le OTA non combattono per le parole chiave che contemplano il nome della struttura, per questo è importante che compaia nella descrizione dell’annuncio per farsi trovare.

Come è noto, quando prenotiamo le nostre vacanze lo facciamo dopo aver guardato diversi alloggi e qualche sito web, anche dopo aver studiato i prezzi e i comfort che offrono le varie soluzioni. Ma non ci affidiamo solo alle informazioni, consultiamo anche le opinioni di altri utenti sulle diverse piattaforme. Pertanto, la prenotazione di una casa vacanza non è solitamente un processo di acquisto impulsivo.

Chiavi per sfruttare l'effetto Billboard (strategia web):

  • Aumentare la presenza sulle OTA ma senza perdere tempo a fare pubblicità su piattaforme che i tuoi potenziali clienti non visitano. L'ideale negli affitti per le vacanze è avere annunci perfettamente ottimizzati su 5 o 6 piattaforme. Su quante più piattaforme si compare, più lavori di manutenzione serviranno e non sarai in grado di avere una connessione completa su tutte. AvaiBook consiglia -come minimo- di essere su Rentalia, Booking.com, Expedia, Airbnb o Vrbo;
  • Scegliere un buon titolo per il tuo annuncio sulle OTA, inserendo il nome del tuo marchio o quello dell'agenzia, così i viaggiatori ti troveranno più facilmente su Google;
  • Ottimizza il tuo sito web. Non dimenticare che puoi anche differenziarti dalla concorrenza con un design accattivante e contenuti di qualità come video o immagini e persino avere un tour virtuale. Ovviamente il tuo sito web deve essere sinonimo di usabilità e navigazione semplice (con un caricamento veloce e sempre disponibile da qualsiasi dispositivo). Se, inoltre, lo hai disponibile in più lingue, aumenterai le possibilità di ricevere più prenotazioni;
  • Utilizza un motore di prenotazione focalizzato sulla vendita diretta e che ovviamente è reattivo: più semplice è il processo di prenotazione, maggiore è il tasso di conversione. Evita la vendita incrociata durante il processo di prenotazione, è meglio aspettare che il cliente abbia prenotato;
  • Prezzi competitivi sul tuo sito web. Offri promozioni o coupon per la prenotazione diretta, riducendo così le commissioni OTA e aumentando il tuo RevPAR;
  • Offri più servizi nelle prenotazioni dirette. Può essere un pacchetto di benvenuto, un parcheggio gratuito o un check-out posticipato.

Inoltre, se riesci a convincere il viaggiatore a prenotare tramite il tuo sito web, il processo di fidelizzazione sarà più semplice, poiché diventeranno tuoi clienti a differenza di chi prenota tramite le OTA, che hanno programmi di fidelizzazione strategici per garantire prenotazioni future.