Notizie su mercato immobiliare ed economia

GRAArt, i miti e la storia di Roma rinascono sul Grande Raccordo Anulare

Autore: Paolo Codato (collaboratore di idealista news)

Un progetto di arte contemporanea per dare nuova vita a una delle arterie più importanti della Capitale, il Grande Raccordo Anulare, attraverso murales che ripercorrono la storia e il mito di Roma. E' GRAArt, un viaggio in dieci fermate realizzato da artisti provenienti da varie parti del mondo, promosso dall'Anas e ideato da David Diavù Vecchiato, uno dei principali esponenti della Urban Art in Italia, che ha spiegato a idealista news come e perché è nato questo progetto.

Graart è un originale tour a tappe che lega passato e presente di Roma per far conoscere ai visitatori che lasciano e a quelli che entrano nella città la sua storia.  Con uno scopo ben preciso: ricucire lo strappo culturale che c'è tra centro storico monumentale e periferie della Capitale. 

Una maniera di unire centro e periferie

"Trovo estremamente ingiusto e sbagliato - racconta Diavù Vecchiato che mostra il murales da lui realizzato, che rappresenta Roma prima delle origini - ragionare la periferia come uno spazio grigio, diverso dalla Roma monumentale, turistica. Roma è una, non sono due. Quindi delle opere d'arte che raccontano qualcosa che trovi nei musei, in centro, ma se le vuoi vedere devi venire in periferia, è una maniera di unire concettualmente queste due Rome". "Io quando realizzo un' opera d'arte, non penso a una riqualificazione del territorio, ma una spinta a riqualificare il territorio. Per esempio questo Graart è una collezione di opere per i cittadini di Roma, da qui l'esigenza di Anas di illuminarle, proteggerle, fare attenzione all'area circostante". 

Il progetto - dice Mauro Pallotta, in arte MauPaul, uno dei dieci artisti che hanno partecipato a Graart - cerca di riportare la cultura, la conoscenza, dal centro alla periferie". " E' un museo di arte popolare dove viene saltata la galleria, il critico, e c'è solo l'osservatore e la sua opera". "La street art - aggiunge - era molto disprezzata dalle istituzioni e dalla popolazione,  ma piano a piano ha cominciato a dilagare e a essere apprezzata".

Clicca sull'immagine per vedere la mappa di Graart 

Graart
Graart