Notizie su mercato immobiliare ed economia

Banca d’Italia, rischi per gli istituti di credito attenuati dal miglioramento del mercato immobiliare

Banca d'Italia
Banca d'Italia

Con il “Rapporto sulla stabilità finanziaria” di novembre 2016 la Banca d’Italia ha fatto sapere che “il miglioramento delle condizioni del mercato immobiliare riduce la vulnerabilità delle banche”. Il settore registra, infatti, compravendite in aumento e segnali di stabilizzazione dei prezzi. Buone notizie, dunque, per il comparto.

Nei prossimi trimestri dovrebbe proseguire il calo delle nuove sofferenze relative ai finanziamenti alle imprese attive nel settore e alle famiglie per l’acquisto di abitazioni.

Il miglioramento del mercato immobiliare attenua i rischi per le banche

Nel dettaglio, il rapporto recita: “Nel primo semestre dell’anno il flusso di nuovi prestiti entrati in sofferenza ha continuato a contrarsi per le imprese attive nel settore (imprese delle costruzioni e delle attività immobiliari) ed è rimasto su bassi livelli per i mutui alle famiglie, anche in rapporto al capitale delle banche”.

Le previsioni per i prossimi trimestri

E ancora: “Gli indicatori anticipatori prefigurano per i prossimi trimestri una significativa diminuzione dei rischi per gli istituti di credito riconducibili al settore immobiliare, sia dal lato dei prestiti alle famiglie sia da quello dei prestiti alle imprese”.

Le prospettive per il mercato immobiliare

La Banca d’Italia parla di un recupero nel mercato immobiliare che dovrebbe proseguire nei prossimi mesi. In particolare, nel rapporto si legge: “Secondo nostre stime i prezzi delle case si stabilizzerebbero alla fine dell’anno in corso, portando la flessione nella media del 2016 a poco più dell’1 per cento (da -2,6 nel 2015). Le più recenti attese degli agenti immobiliari sono più favorevoli rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e migliora il clima di fiducia delle imprese di costruzione”.

Banca d'Italia
Banca d'Italia