Notizie su mercato immobiliare ed economia

Credito d'imposta per il riacquisto prima casa, i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Come funziona il credito d'imposta per il riacquisto della prima casa? Sul tema ha offerto chiarimenti l'Agenzia delle Entrate, che ha evidenziato anche alcuni casi particolari.

Con la risposta n. 44, l'Agenzia delle Entrate è intervenuta in seguito all'interpello di un contribuente che ha acquistato un immobile con le agevolazioni prima casa. Nell'atto di acquisto gli è stato riconosciuto un credito d'imposta, del quale però, non ha potuto fruire integralmente in sede di rogito notarile dal momento che il credito era superiore all'imposta di registro dovuta.

L'immobile acquistato con le agevolazioni prima casa aveva come pertinenza un box auto che non è stato acquistato subito per problemi di liquidità finanziaria. Avendo reperito le risorse necessarie, il contribuente ora intenzionato ad acquistare anche il box auto ha domandato all'Agenzia delle Entrate se per il pagamento delle imposte dovute per l'atto di acquisto della pertinenza può fruire dell'eccedenza del credito di imposta utilizzato solo in parte in diminuzione dell'imposta di registro dovuta per il riacquisto della prima casa e non ancora utilizzato nella dichiarazione dei redditi.

L'Agenzia delle Entrate ha innanzitutto ricordato quanto previsto in merito al credito d'imposta per il riacquisto prima casa. Secondo quanto stabilito dalla norma, "ai contribuenti che provvedono ad acquisire, a qualsiasi titolo, entro un anno dall'alienazione dell'immobile per il quale si è fruito dell'aliquota agevolata prevista ai fini dell'imposta di registro e dell'imposta sul valore aggiunto per la prima casa, un'altra casa di abitazione non di lusso, (...), è attribuito un credito d'imposta fino a concorrenza dell'imposta di registro o dell'imposta sul valore aggiunto corrisposta in relazione al precedente acquisto agevolato. L'ammontare del credito non può essere superiore, in ogni caso, all'imposta di registro o all'imposta sul valore aggiunto dovuta per l'acquisto agevolato della nuova casa di abitazione non di lusso". 

E ancora: "Il credito d'imposta (...) può essere portato in diminuzione dall'imposta di registro dovuta sull'atto di acquisto agevolato che lo determina, ovvero, per l'intero importo, dalle imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito, ovvero può essere utilizzato in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione da presentare successivamente alla data del nuovo acquisto; può altresì essere utilizzato in compensazione (...). Il credito d'imposta in ogni caso non dà luogo a rimborsi".

Esaminando il caso posto alla sua attenzione, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che - come sottolineato anche con la circolare 24 aprile 2015 - nel caso in cui "il credito di imposta sia stato utilizzato solo parzialmente per il pagamento dell'imposta di registro dovuta per l'atto in cui il credito stesso è maturato, l'importo residuo potrà essere utilizzato dal contribuente in diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche ovvero in compensazione delle somme dovute ai sensi del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241". 

Non è possibile utilizzare l'importo residuo "in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria, catastale, e dell'imposta sulle successioni e donazioni per gli atti presentati successivamente alla data di acquisizione del credito". A tal proposito, come spiegato, "la previsione normativa in argomento stabilisce, infatti, che in relazione alle imposte dovute per tali atti e denunce, il credito deve essere utilizzato per l'intero importo".

Di conseguenza, non è possibile beneficiare del credito d'imposta residuo in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria, catastale "dovute per l'acquisto per l'acquisto agevolato della pertinenza". Il credito d'imposta residuo può essere utilizzato in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche o in compensazione delle somme dovute.

Il credito d'imposta residuo per il riacquisto prima casa non può dunque essere utilizzato in diminuzione delle imposte di registro, ipo-catastale, sulle successioni e donazioni per gli atti presentati successivamente alla data di acquisizione del credito, ma può essere utilizzato in riduzione dell'Irpef o in compensazione delle somme dovute.