Notizie su mercato immobiliare ed economia

Busso, Ad Gabetti: "Il 2016 ha tutti i requisiti per vedere la svolta del mercato"

Autori: @Annastella Palasciano, marco todarello (collaboratore di idealista news)

Amministratore delegato del gruppo Gabetti, Roberto Busso è convinto che nel 2016 assisteremo ad un'importante svolta per il mercato. Un mercato in cui il nuovo agente immobiliare - consulente deve mettersi al fianco del cliente per guidarlo passo passo nel processo di vendita o affitto, e in cui la nuova sfida è rappresentata dalla rigenerazione del patrimonio esistente. 

II mercato corporate e il mercato retail

Bisogna fare una differenza tra mercato corporate e mercato retail. Nel primo caso la svolta è già iniziata, gli investimenti esteri sull'italia sugli immobili a reddito sono più che raddoppiati rispetto allo scorso anno. Per il mercato retail ci sarà una svolta se si applicano le modifiche introdotte dalla legge di Stabilità, quindi l'abolizione della Tasi, la riduzione ulteriore dell'Imu su determinate categorie e un'ulteriore strumento a sorpresa, il leasing immobiliare sul residenziale.

L'agente immobiliare - consulente

"La sfida è quella che abbiamo già lanciato con il nostro gruppo, di trasformare l'agente immobiliare in un consulente. Ti siedi al fianco di chi vuol affittare o vendere e con lui ne vedi tutti gli aspetti: da quello finanziario a quello legale".

Un patrimonio da riqualificare

"Abbiamo un patrimonio immobiliare da rigenerare e ristrutturare, un patrimonio immobiliare vuoto, da mettere nelle condizioni di vendere o affittare. Bisogna essere competenti, bravi, capaci, ma soprattutto veloci". 

Ci sono due tipologia di investitori che oggi si interessano al nostro Paese. "L'investitore straniero che arriva nel nostro Paese e dice voglio un immobile già occupato che mi dia reddito per i prossimi vent'anni a Milano o a Roma. L'immobile che piace un po' a tutti, il "trophy asset".

"Ma ci sono cose importanti da fare, immobili da trasformare, da rimettere a nuovo, anche in altre zone d'Italia, cambiando magari la destinazione d'uso, degli uffici che possono diventare immobili residenziali o dei residenziali che possono diventare degli uffici, o degli hotel nelle nuove forme degli aparhotel".