Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu 2021 per le case in affitto, chi paga?

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dopo la scadenza del saldo di dicembre dell'Imu 2020, arriva un altro appuntamento per i contribuenti. Si tratta del conguaglio Imu del 1º marzo per quei contribuenti che si trovano nei comuni dove le aliquote sono state approvate dopo il 31 ottobre ed entro il 31 dicembre. Vediamo cosa pagheranno i proprietari di immobili in affitto

Con la legge di bilancio 2020 è stata abolita la Tasi. L'imposta sui servizi indivisibili fino al 2019 per le case in affitto gravava per un massimo del 70% sul proprietario e sul restante 30% sull'inquilino. Con l'introduzione della nuova Imu, invece, a pagare l'Imu 2020 sulle case in affitto è esclusivamente il proprietario dell'immobile. Questo perché l'imposta municipale propria grava su

  • il proprietario dell’immobile;
  • il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sull’immobile;
  • genitore assegnatario della casa familiare a seguito di provvedimento del giudice;
  • concessionario nel caso di concessione di aree demaniali;
  • locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria

Il proprietario dell'immobile in affitto dovrà quindi pagare l'intero importo dell'Imu 2020. Se la casa è in affitto a canone concordato (la formula 3+2)  il proprietario potrà usufruire inoltre di uno sconto del 25% sull'imposta e dovrà pagare solo il 75% di quanto dovuto indipdentemente dalle aliquote decise dal Comune.

Calcolo Imu 2021 per le case in affitto

Per le case in affitto il calcolo dell'Imu 2021 è analogo a quello per gli altri immobili. Si parte dalla rendita catastale rivaluta del 5% che si moltiplica per i coefficienti propri di ciascuna tipologia immobiliare. Alla base imponibile così ottenuta si applicano le aliquote decise dai comuni.  I Comuni hanno avuto tempo fino al 31 dicembre per approvare le nuove aliquote chiamando i contribuenti al conguaglio di quanto versato entro il 28 febbraio.