Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu su seconda casa disabitata: si paga la prima rata 2021?

Pixabay
Pixabay
Autore: Redazione

Ormai tutti sappiamo che l'Imu 2021 è dovuta sulla prima casa di lusso e sulla seconda casa. Ma cosa succede nel caso in cui questa seconda casa sia disabitata? È ancora dovuta l'Imu 2021? E cosa succede nel caso della Tari

L'articolo 13, comma 3, del D.L. n 201 del 211 prevede la riduzione del 50% della base imponibile dell'Imu per i fabbricati dichiarati inagibili e inabitabili che di fatto sono inutilizzati e disabitati limitatamente però, al periodo dell'anno in cui sussistono tali condizioni. Per questi immobili quindi si paga la metà dell'Imu 2021.

Autocertificazione Imu per seconda casa disabitata

La sussistenza di queste condizioni può essere accertata sia tramite un perito del comune sia attraverso un'autocertificazione Imu del proprietario come chiarito dalla circolare 3 del 2021 del dipartimento delle finanze e dalla stessa Corte della Cassazione. Una seconda casa disabitata quindi ha diritto alla riduzione dell'Imu 2021 solo nel caso in cui sia anche inutilizzabile o inagibile. Se una seconda casa è semplicemente disabitata, ma non è inagibile o inutilizzabile è soggetta al pagamento dell'Imu 2021.

Tari seconda casa disabitata

Per quanto riguarda la Tari sulla seconda casa disabitata è prevista l'esenzione del pagamento nel caso in cui sia dimostrato che questa casa sia di fatto inutilizzata. Questo avviene a due precise condizioni: che la casa sia priva di arredi e priva di fornitura di acqua, luce e gas, cosa che deve essere provata con opportuna documentazione. Il Comune ha comunque la facoltà di provvedere ad ispezioni per determinare l'effettiva assenza di arredi.

 

 

Etichette
Imu 2021Imu