Notizie su mercato immobiliare ed economia

Quanti dipendenti pubblici ci sono in Italia e in europa (tabella)

Autore: Redazione

La manovra finanziaria si è abbattuta soprattutto sui dipendenti pubblici. Congelamento degli stipendi, blocco del turn over, innalzamento dell'età pensionabile per le donne. Molti lavoratori del settore privato, probabilmente, avranno pensato che in fondo gli sta bene, perché siamo abituati a pensare che quello dei dipendenti pubblici sia un pozzo senza fondo di lavoratori privilegiati e assenteisti. Ma quanti sono i dipendenti pubblici in Italia? e nel resto d'europa? vi presentiamo qui uno studio riepilogativo in cui, a sopresa, scopriamo che il nostro paese è perfettamente nella media

Se poi pensiamo che dipendenti pubblici significa medici, infermieri, insegnanti, militari, magistrati, ecc. Vi sembrano davvero troppi?

Articolo visto su
(Idalista.it/news)

per commentare devi effettuare il login con il tuo account

Commenti

Buongiorno, sono un'insegnante precaria. Se vi sembrano tanti i dipendenti pubblici, fatevi un giro nelle scuole e vedrete che carenze d'organicO! per non parlare degli ospedali....

0 0
Vote up!
Vote down!

Ma basterebbe mandare i bambini e i ragazzi a scuola solo 4/5 ore al giorno senza rientri con un solo insegnante alle elementari a parte la lingua straniera. Sabato a casa. Sarebbe meraviglioso. Laseremmo a casa tutti i precari che come tutti i poveri italiani si devono trovare un posto di lavoro nel privato. Dimezzeremmo quasi la spesa della pubblica istruzione. Il futuro è il privato . E' inevitabile. Accadrà , che lo vogliate o no. Lo stato risolverebbe i suoi problemi se per ogni bambino o ragazzo che decide di passare alla squola privata passerebbe alla famiglia un assegno di 6000 euro annui.

0 0
Vote up!
Vote down!

Lo stato risolverebbe i suoi problemi se per ogni bambino o ragazzo che decide di passare alla squola privata passerebbe alla famiglia un assegno di 6000 euro annui. Squola con la Q????????? forse la privata non ha sfornato mostri da quello che vedo ... -.-

0 0
Vote up!
Vote down!

Scuola con la q e il condizionale al posto del congiuntivo. Ma la colpa è del malato o del dottore che non ha saputo curarlo ?? io sono convinto che la colpa sia del dottore che forse avrebbe dovuto fare un altro mestiere. Ciononostante, anche se sgrammaticate, le idee sono più che giuste, ci sono troppi sprechi. Soldi garantiti a chi non li merita solamente per avere in cambio voti politici. Leggetevi il libro "la deriva" di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo. Se solo un decimo di quello che è scritto corrisponde a verità, e meglio scappare via in fretta da questo paese corrotto e irrecuperabile. Forse è già tardi.

0 0
Vote up!
Vote down!

Si insegnanti che fanno 20 ore alla settimana

0 0
Vote up!
Vote down!

Si insegnanti che fanno 20 ore alla settimana

0 0
Vote up!
Vote down!

La mancanza di organico è dovuta al fatto che evidentemente l'efficienza è bassa e vale per tutto il settore pubblico non certo solo la scuola. I costi sono alti se il personale sembra insufficiente è perché sono mal organizzati, si lavora poco e male.
Ossia i contribuenti pagano fior di tasse e poi ci tocca ancora avere un servizio inefficiente.
Saluti

0 0
Vote up!
Vote down!

Negli ospedali? ma leggi qui leggi e poi taci

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=10321

Sei precaria perchè hai voluto per forza fare una professione dove già ci sono troppi esuberi, ma siccome è statale esistono i precari. Prova ad andare in una scuola privata e vedi se ti prendono come precaria, ti dicono "signorina, mi spiace, l'organico è al completo" e tanti saluti. I precari sono precari per loro scelta, questa è la verità.

1 1
Vote up!
Vote down!

Quando vedo le classi inferiori alle 16 unità di media e considerando il tasso demografico negativo direi che sicuramente non è un lavoro che assicura futuro. Sarebbe utile una riqualifica in oss e badanti che invece sono insufficienti.

0 0
Vote up!
Vote down!

Quando vedo le classi inferiori alle 16 unità di media e considerando il tasso demografico negativo direi che sicuramente non è un lavoro che assicura futuro. Sarebbe utile una riqualifica in oss e badanti che invece sono insufficienti.

0 0
Vote up!
Vote down!

Buon pomeriggio, io sono un appartenente alle forze di polizia e vi assicuro che da noi la situazione non è tanto diversa. Qui lvoriamo davvero tanto e come ringraziamento, veniamo pure penalizzati dalla manovra con perdite medie di 3.000 euro l'anno ciascuno!

0 0
Vote up!
Vote down!

Chiedete un contributo al vostro capo che prende €621.253,75 all'anno, mentre ad esempio il presidente Obama solo circa € 300.000

1 1
Vote up!
Vote down!

Tutta la mia comprensione. I tagli infatti dovrebbero riguardare le prefetture (ed i loro costi) non il vostro organico e tanto meno i vostri stipendi (che sono davvero ridicoli rispetto a quello che vi viene chiesto). SI spenderebbe meno e si avrebbe un servizio migliore per tutti

0 0
Vote up!
Vote down!

Tutta la mia comprensione. I tagli infatti dovrebbero riguardare le prefetture (ed i loro costi) non il vostro organico e tanto meno i vostri stipendi (che sono davvero ridicoli rispetto a quello che vi viene chiesto). SI spenderebbe meno e si avrebbe un servizio migliore per tutti

0 0
Vote up!
Vote down!

esiste il doppio numero di forze dell'ordine in Italia che in un paese come il regno unito. chissá perché...

0 0
Vote up!
Vote down!

Un lavoratore su 3-4 in europa in pratica è uno statale.
È assurdo
Ci credo che gli stati sono pieni di debiti e che c'è questa crisi
Spendono soldi che non hanno

0 0
Vote up!
Vote down!

La matematica è una opinione vero?

0 0
Vote up!
Vote down!

La matematica è una opinione vero?

0 0
Vote up!
Vote down!

Veramente sarebbero 3-4 su ogni 100 lavoratori. Non uno su 3-4. La matematica......

0 0
Vote up!
Vote down!

Secondo me tanti problemi sono dovuti al fatto che le persone non leggono bene o non sanno leggere i numeri un po' come la persona del terzo commento.

0 0
Vote up!
Vote down!

Secondo me legge davvero bene, il problema è di chi scrive, gli unici Paesi che possono avere più statali di noi sono paesi di due categorie: chi non se li può permettere (e sono democrazie per modo di dire) o chi non deve pagare costi come energia elettrica (vedi Francia) o ha dei pil che noi ci sogniamo (vedi Germania). Il rapporto dei dipendenti infatti andrebbe fatto sul PIL e sul bilancio (ovvero su quanti me ne posso permettere) non su quante sono le persone (pensa che è uno dei primi indici che si usano per determinare i bilanci reali di un'azienda e contestarteli- come dire se: hai tutti questi dipendenti NON puoi non guadagnare questa cifra-). Inoltre se proprio lo devi fare su questi dati sarebbe auspicabile sottrarre i disoccupati e già con quello capiresti il problema Spagna (tra un pò rimangono solo i dipendenti pubblici). Si sta parlando di aziende stato in perdita e non ha senso fare un parallelismo con bilanci completamente diversi. E' come paragonare due aziende ed i loro dipendenti in base al posto nel quale sono e non al bilancio che hanno.
Ma tanto tu sarai un dipendente e del bilancio che ti frega, l'importante è il 27 trovare il bonifico fatto e che ci sia scritto indeterminato sul contratto salvo un giorno (e molto vicino dato i dati ultimi) accorgerti che l'Azienda chiude per fallimento perché il bilancio era in profondo rosso; a quel punto la mossa successiva sarò quella di chiedere la mobilitazione, poi la cassa integrazione e poi la disoccupazione e ti accorgerai che siccome l'azienda si chiama stato non vedrai neanche il tfr.
PS Il salvataggio dello stato è cosa necessaria per i dipendenti non per gli imprenditori; loro investono i capitali all'estero dove sono ben contenti di attenderli quindi cerchiamo di svegliarci perfavore

0 0
Vote up!
Vote down!

Il problema secondo me non è solo quanti dipendenti pubblici hai e se te li puoi permettere, ma come li hai distribuiti sul territorio nazionale e quanto li paghi!!! il dipendente pubblico potrebbe essere una grande ricchezza per un paese civile se ben collocato: garanzia di servizi indispensabili ed efficienti come sanità, istruzione, ricerca, informazione trasparente, controllo del territorio, ordine pubblico, giustizia vera, gestione oculata della cosa pubblica. Tutto questo è possibile però oggi in Italia bisogna ripartire da "0" o meglio dalla costituzione italiana che mi sembra un capolavoro d'intelligenza intellettuale e in particolare dall'art. 1 "l'Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro. ...". bellissimo questo articolo ma anche difficile da realizzare in una società democratica, liberale o liberalcapitalista come la nostra. Per farlo: 1) la prima cosa da fare è cacciare da tutte le assemblee elette a tutti i livelli tutte le persone che hanno superato i 40 anni e sono in politica da più di un mandato e questo indipendentemente dal fatto che siano bravi o no, ma semplicemente perchè se sono bravi sono già o allineati o "inquinati" quindi portatori solo di tragedie sociali; seconda cosa, cacciare tutti i politici che provengono dal funzionariato di partito e nella loro vita non hanno mai lavorato nè come dipendenti nè come imprenditori, questi non rappresentano nessuno e faranno sempre e solo i propri interessi a scapito della collettività e sono i più pericolosi perchè con la loro falsità convincono la gente in particolare la più sprovveduta intellettualmente che loro agiscono con duro sacrificio per il bene comune. 2) rovesciare la convinzione artemente diffusa che un politico o un dipendente pubblico con più lo paghi e meno ruba!!! grosso errore, l'egoismo umano dimostra esattamente il contrario fino ad arrivare alla convinzione tragica che il denaro non ha più valore, non è più il frutto di quanto tu dai alla società ma solo il frutto di quanto tu riesci a prendere e non importa come. 3) prendere atto che in una società come la nostra il motore che produce lavoro e quindi la richhezza è l'impresa, di conseguenza è l'imprenditore che può dare attuazione all'art. 1 della costituzione e lo stato deve essere la bussola che lo deve indirizzare, educare, sostenere, stimolare e deve creare le condizioni necessarie affinchè l'impresa possa progredire, espandersi e garantire le migliori condizioni per i lavoratori e qui lo stato deve essere efficiente, pronto a premiare e valorizzare l'intelligenza ma anche inflessibile, duro, con chi non rispetta le regole, per educare il furbo. E quando dico andare giù duro non intendo la galera che fra l'altro è un costo per la società, ma pene alternative come lavori socialmente utili e/o alle dipendenze di chi a subito il danno fino al completo risarcimento e se non è possibile la sospensione o addirittura la perdita della cittadinanza con disonore con tutto quello che ne consegue. La libera iniziativa dell'imprenditore è la ricchezza di un paese e quindi va colta, esaltata, premiata. L'imprenditore o il dipendente di una azienda privata deve avere la possibilità di guadagnare quello che vuole, senza limite, perchè sarà il confronto sul mercato globale a stabilirne il valore. Allo stipendio del dipendente pubblico va invece posto un tetto, non si giustificano stipendi altissimi, lo stato è una macchina infernale dove ogni singolo è un pezzo importante ma se preso da solo diventa insignificante, le decisioni importanti sono prese dai politici, l'organizzazione è disciplinata per legge dai politici, la gestione è politica come è giusto che sia in una democrazia, tutto è pianificato e il contributo individuale per quanto importante è poca cosa, quindi se fa bene il suo lavoro altro non fa che mettere in evidenza l'efficienza o la deficienza della classe politica che in una democrazia è l'unica responsabile del benessere di una nazione e quindi dei suoi cittadini, il dipendente pubblico quindi non deve come l'imprenditore procurarsi il lavoro per se e per i suoi dipendenti, pensare a come fare per vincere la concorrenza, come procurarsi le risorse per pagare gli stipendi e i salari a fine mese, ma deve pensare solo a fare bene il suo lavoro già programmato, perciò se lo fa bene con efficienza deve essere premiato con il rispetto da parte del cittadino utente e con la posibilità di carriera fino al massimo livello e se lo fa male deve subire il disprezzo del cittadino utente, essere penalizzato nella carriera e addirittura essere rimosso dall'incarico. Detto questo, credo che un dipendente pubblico al massimo livello oggi non dovrebbe essere pagato più di 10.000 euro nette al mese, non dovrebbe avere agevolazioni o benefit di alcun tipo ed i rimborsi spese dovrebbero essere limitati, sempre giustificati per lavoro, a piè di lista e pubblicati nel dettaglio su internet, trasparenti anche al cittadino che paga. Naturalmente se 10.000 euro è il tetto massimo 1.200 euro potrebbe essere il limite inferiore e tra queste due cifre rimodulare tutte le altre qualifiche e/o categorie, credo che il dipendente pubblico anche a queste condizioni rimarrebe sempre un lavoro dignitoso e molto appetibile, che ne dite? mi piacerebbe che su queste considerazioni ci fosse un giornalista curioso che facesse una bella inchiesta per vedere di quanto potrebbero abbassarsi le tasse degli italiani e se l'idea potrebbe trovare il consenso dei cittadini.
Per ora mi Fermo qui la prossima volta mi occuperò della cosiddetta classe dirigente o politica o casta che sia.

0 0
Vote up!
Vote down!

Esatto, saper leggere bene sarebbe una buona cosa, sono un infermiera e vi assicuro che lo stipendio lo sudo eccome! e come me altri dipendenti pubblici, e fannulloni ditelo al governo di qualsiasi colore sia, loro certo non fanno fatica ad arrivare a metà mese.

0 0
Vote up!
Vote down!

Sto preparando una tesi sulla pubblica amministrazione. È possibile conoscere la fonte di questi dati?
Grazie in anticipo

0 0
Vote up!
Vote down!

Bisogna sapere la popolazione attiva sul totale della popolazione e la qualità dei servizi per fare delle considerazioni, ad esempio dai 60mil. Di italiani devi togliere pensionati, disoccupati, minori, e poi si vedono le percentuali....

0 0
Vote up!
Vote down!

E' a dir poco esilarante il commento n.7 che ci vuole insegnare come fare i conti della percentuale degli statali.

Con lo stesso criterio possiamo dimostrare che quelli che mangiano la pizza con nutella e acciughe sono il 90% degli italiani

Ecco come si dimostra: dai 60.000 mln di italiani prima leviamo quelli che non mangiano pizza... poi togliamo gli infanti, e i bambini che mangiano solo pizze semplici, poi togliamo tutti quelli che mangiano pizza ma non la pizza nutella e acciughe e ne rimangono solo 10... ma uno di questi la mangia e poi la vomita subito... perciò al netto sono 9 su 10... che fa appunto il 90% degli italiani.

Ahahahahahaah

0 0
Vote up!
Vote down!

...e invece è corretto. Qual'è la popolazione attiva che poi di fatto paga questo servizio?
Sciocchezzuole a parte (perchè acciughe e Nutella sono buonissimi insieme, in realtà specie sulla pizza!!!) il fatto è che al di là dei vari "partiti presi", la percezione sul servizio offerto dall'amm.ne pubblica è sconfortante.
L'inefficenza palese dell'amm.ne pubblica, che non esclude molti volenterosi e indefessi lavoratori, è tangibile e documentabile (commissioni europee varie) e soprattutto, immodificabile.
Le cause sono molte ma forse tra le più scontate possiamo annoverare il voto di scambio (malattia cronica di una politica che anela al personale potere economico); l'assenza di concorrenza (in un mondo occidentale basato sul libero mercato - avete mai sperimentato le spedizioni di corrspondenza di gruppi privati nascenti? Eccellenti!!!).
Nel privato è difficile allontanare un dipendente improduttivo, ma non impossibile. MA nel pubblico? (Ecco le eredità ideologico/sindacali sacrosante negli anni 50/60 ma oggi totalmente inadeguate in un mercato del lavoro che dovrebbe essere snello e dinamico. (Immmaginate quanti politici salterebbero se proponessero contratti a tempo determinato rinnovabili solo a raggiungimento di risultati oggettivi? Uah, uah, uah...utopie...). le privatizzazioni italiane sono state una burla, un'altra torta da spartire per i soliti affaristi/faccendieri ma di fatto nulla è cambiato...

0 0
Vote up!
Vote down!

E giusto quello che hai detto, noi siamo nella media ma e' la qualita del servizio resa e' scarsa, in molti uffici pubblici non so come mai si mettono persone che non sanno usare il computer e li vedi li seduti a non far nulla, mi e' successo negli uffici del inps.

0 0
Vote up!
Vote down!

Semplicissimo : la popolazione ativa in Germania supera i 41milioni contro i 20 scarsi dell'Italia .. Di conseguenza il rapporto che sembra simile tra i due paesi è in realtà , il DOPPIO in Italia

Contestabile anche che in Italia i dip pubblici sono 4,2 mil non 3.,5 !
Di conseguenza in Italia sono il 20% dei contribuenti
CONTRO IL 9,2% DEI CONTRIBUENTI TEDESCHI

0 0
Vote up!
Vote down!

Beh, però le percentuali è corretto farle con dati omogenei e quindi su chi lavora ed è attivo. Capre e cavoli non vanno bene.

0 0
Vote up!
Vote down!

Pizze a parte in Italia la forza lavoro è di 25 milioni di persone, 3.400.000 sono statali quindi circa il 14% di quelli che si alzano al mattino lavorano per lo stato, a questi poi vanno aggiunti tutti quelli che lo stato paga indirettamente appaltando a dx e a manca tramite cooperative e giochetti vari...insomma lo stato farebbe prima ad assumerci tutti

0 0
Vote up!
Vote down!

Si chiama comunismo

0 0
Vote up!
Vote down!

Io credo che sia ora che tolgono le mani dalle pubbliche amministrazioni dai contratti alla rimozione del ministro brunetta viene a parlare di meritrocrazia quando tutti gli italiani sanno che meritrocrazia c'e in parlamento e vergognoso che il nostro presidente del consiglio permetta questo e vergognoso che noi paghiamo le tasse piu alte per mantenere un sistema politico assurdo di 630 membri ma stiamo scherzando e la gente che lavora nelle p a prende stipendi da fame rispetto al resto dell'europa vediamo quanto e bravo brunetta con i suoi 25000 euro al mese lo saremmo tutti basta puntare il dito e dire voi non fate un cazzo e solo il 25% di voi produce un altro 50%produce poco e l'altro25%e spazzatura e se tu non sei in fascia apicale negli ultimi 3 anni non passerai mai di livello signori questo e il decreto brunetta SE AVESSIMO UN LIDEAR CON LE PALLE ALLORA SI CHE SI SCENDEREBBE IN PIAZZA ALTRO CHE STUDENTI

0 0
Vote up!
Vote down!

Tutti gli italiani sanno che meritrocrazia c'e in parlamento e vergognoso che il nostro presidente del consiglio permetta questo giuro che ogni volta che sarò triste mi leggerò questa sua affermazione per tirarmi sul il morale e ridere a crepapelle! dunque, lei si meraviglia che berlusconi permetta la mancanza di meritocrazia in parlamento: ma berlusconi chi: 1 - Berlusconi...quello che ha fatto ministro una sua ex-ballerina?I... a quanto tutti dicono per meriti "orali" - faccio notare che anche la sabina guzzanti affermò ciò in un comizio e non venne mai querelata! 2 - Berlusconi... quello che ha fatto consigliere regionale un'altra sua ex-ballerina che gli ha fatto la pulizia dei denti al san raffaele?! 3 - Berlusconi... quello che ha fatto assumere a palazzo chigi col più alto grado di dirigente la sua segretaria personale?! 4 - berlusconi... quello che si è circondato di ministri che hanno fatto assumere e dato appalti a tutti i loro amici e parenti (bertolaso, scaiola, bondi, etc). 5 - quello che, se non fosse stato per la denuncia pubblica di Veronica laurio, aveva pronta una lunga lista di veline da mandare al parlamento europeo?! è questo il berlusconi che "non" dovrebbe permettere la mancanza di meritocrazia in parlamento?!

0 0
Vote up!
Vote down!

Io dico solo che abbiamo quasi 17 milioni di pensionati e quasi 4 milioni di statali di mantenere... inutile negare che gli statali abbiano privilegi, perchè lo stipendio fisso e sicuro a fine mese arriva, crisi o non crisi. Inutile negare che moltissimi fanno il loro dovere e se lo sudano lo stipendio altrimenti lo stato sarebbe Fermo, ne conosco molti zelanti dover fare il doppio per colpa dei colleghi, ma tanti altri hanno mansioni inutili di passacarte o bidello o addetto alle fotocopie o tecnico del laboratorio di chimica (in scuole dove non fanno chimica xD ho esempi vicini) che non so come fanno a non vergognarsi di prendere uno stipendio. Giuro che io piuttosto di sentirmi un parassita e nullafacente non accetterò mai un lavoro da statale.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ok

0 0
Vote up!
Vote down!

Io lavoro da operatore socio sanitario nell'ospedale di Pordenone, per fare questo lavoro ho dovuto sutidiare (a mie spese pagando 800 euro di iscrizione) 18 mesi e fare 4 mesi di tirocinio (lavoro gratis) e non accetto che tu o chiunque altro venga a mettere bocca nel mio lavoro e sul mio stipendio, non sei tu che mantieni me, ma sono io che curo la dignità dei pazienti, guadagno 1180 euro al mese, devo lavorare a ferragosto come a natale, perchè nel nostro lavoro non esiste distinzione tra giorni feriali e festivi, in 2 anni di lavoro pubblico da parassita mi ritrovo ad aver abbassato la cuffia della spalla destra a causa degli sforzi disumani per alzare dal letto da solo persone di 120-130kg per carenza di personale, guadagno 100 euro circa in meno al mese rispetto a quanto prendevo nel privato ma accetto questa riduzione in cambio della sicurezza del lavoro e delle tutele maggiori é(che comunque stanno cadendo a una ad una)
Tu credi che lo stipendio fisso sia un privilegio? ma lo sai che in 2 anni ho "rimanenza" di 30 giorni di ferie (su 54), ho lavorato 80 ore di straordinario che non saranno mai pagate perchè da noi si segnano come "banca ore" e che ci mettono 1 anno per pagare lo straordinario in pronta disponibilità (cioè devi andare a lavorare improvvisamente senza preavviso in 1-2 ore)?

Tu ti sentiresti un parassita e nullafacente così?

E io che quando vedo che sulle auto i commercianti hanno sconti fino al 20% sul prezzo di listino del nuovo (es. Peugeaut) scaricano il 20% di iva e la mettono a costi pluriennali (a 3 anni ormai) nel conto economico, in modo che un'auto che a listino costa 50.000 euro abbia un costo effettivo di 22-23000 euro e devo lavorare per consentire a te di avere questi vantaggi, come mi devo sentire?

E tu che forse adesso te ne sei reso conto, come ti devi sentire?

0 0
Vote up!
Vote down!

Allora in uno stato i parassiti sono i pensionati (che hanno lavorato il dovuto e sono andati in pensione con quello che stabiliva la legge fatta dai politicanti) oppure i dipendenti pubblici ( che volenterosi o no pagano le tasse tutte fino all'ultimo centesimo).
Ma vogliamo parlare dei commercianti, imprenditori, liberi professionisti ( che evadono, che fanno il loro lavoro senza professionalità, che hanno onorari o prezzi da ladri e che puntano il dito sempre sul pubblico impiego);
Vogliamo parlare dei lavoratori privati (che bravi o non bravì perdono il lavoro e pertanto anche loro nel loro insieme hanno qualche lavativo senza interesse).

0 0
Vote up!
Vote down!

Pubblicate i dipendenti pubblici suddivisi per regione con relative percentuale sulla popolazione residente e relativa spesa por-capite sempre in ambito regionale......che poi ci facciamo due risate..

0 0
Vote up!
Vote down!

Sono troppi rispetto all'efficenza dei servizi.

0 0
Vote up!
Vote down!

Il dato della Polonia è sbagliato:
I dipendenti pubblici polacchi sono attualmente 650.000, ma il governo di centrodestra (Tusk) ha promesso di ridurre tale numero con i prepensionamenti a 550.000.
Controllate la vostra fonte.

0 0
Vote up!
Vote down!

Dimenticavo : quindi la polonia ha poco piu' dell'1% dei dipendenti pubblici.

Quindi dobbiamo imitare i paesi come la repubblica ceca, l'inghilterra, polonia e slovacchia ....oppure l'economia dell'Italia di oggi non puo' permettersi tutti questi dipendenti pubblici....e poi privatizzare tutto quello che si puo'

0 0
Vote up!
Vote down!

I discorsi e i numeri si possono leggere in tanti modi, il fatto è che se economia si deve fare, che sia fatta da tutti, inoltre fondamentale è vedere anche i costi dei dipendenti pubblici nei vari paesi e rapportarli all'Italia, sicuramente quelli italiani saranno come i costi della politica, fra i più alti.
È inoltre necessario rivedere le percentuali di utilizzo del p.i.l. Altrimenti saremo sempre a fare i soliti discorsi (sterili) fra persone che non riusciranno a cambiare nulla!

0 0
Vote up!
Vote down!

Troppi troppi troppi troppi...essere precari per più di 6mesi significa aver scelto di esserlo deliberatamente...liberalizzare e quindi privatizzare TUTTi questi stipendifici sarebbe solo un dovere civico oltre che morale...3milioni e fischia di stipendiati statali per offrire tra i peggiori servizi d'europa mi sembra un crimine anche solo difenderlo...uno stato di welfare da 65milioni di abitanti mi sembra assolutamente utopistico...senza contare gli sprechi,i ritardi,i sollazzi e le cricche statali che fanno spendere ancora di più...dare la possibilità ai privati di competere col pubblico (senza strozzarlo di tasse e di regolamenti sovradimensionati) sarebbe un vantaggio per tutti...nuovi posti di lavoro,più flessibilità,più benessere,più scelta e meno costi inutili...ovviamente senza ridurre la pressione fiscale al 25% non ha nessun senso liberalizzare,tanto varrebbe restare al 50% per avere il peggio ma "gratis" (così dicono gli statalisti...niente è gratis,gente!!)

0 0
Vote up!
Vote down!

Troppi troppi troppi troppi...essere precari per più di 6mesi significa aver scelto di esserlo deliberatamente...liberalizzare e quindi privatizzare TUTTi questi stipendifici sarebbe solo un dovere civico oltre che morale...3milioni e fischia di stipendiati statali per offrire tra i peggiori servizi d'europa mi sembra un crimine anche solo difenderlo...uno stato di welfare da 65milioni di abitanti mi sembra assolutamente utopistico...senza contare gli sprechi,i ritardi,i sollazzi e le cricche statali che fanno spendere ancora di più...dare la possibilità ai privati di competere col pubblico (senza strozzarlo di tasse e di regolamenti sovradimensionati) sarebbe un vantaggio per tutti...nuovi posti di lavoro,più flessibilità,più benessere,più scelta e meno costi inutili...ovviamente senza ridurre la pressione fiscale al 25% non ha nessun senso liberalizzare,tanto varrebbe restare al 50% per avere il peggio ma "gratis" (così dicono gli statalisti...niente è gratis,gente!!)

0 0
Vote up!
Vote down!

Privatizzare i servizi sanitari significa che curare un tumore, o rompersi un braccio costerà come andare dal dentista, e non tutti potrebbero permettersela (i costi degli interventi sarebbero "americani" mentre il nostro stipendio è "italiano" dove gli americani guadagnano in media 35 euro l'ora da operai contro i nostri 6 euro l'ora)
Privatizzare le forze dell'ordine significa dare il potere militare in mano ai privati (ti rendi conto cosa comporterebbe?)
Privatizzare la scuola significherebbe consentire a chi può permetterselo di comprare i diplomi e le lauree (cosa che già avviene ad esempio con gli studenti cepu) a discapito della meritocrazia

Tu dici che il pubblico è avvantaggiato rispetto al privato nella competizione di concorrenza, perchè ad esempio il servizio trasporti può prendere i soldi incassati a Milano-Roma e Napoli per far abbassare il prezzo del biglietto di prata di Pordenone, altrimenti a Roma Milano e Napoli una corsa in autobus costerebbe 50 centesimi contro i 5 euro che costerebbe a prata di Pordenone (la manutenzione degli autobus costa uguale ma il costo è ripartito su un numero diverso di utenti)

Ps e le tasse, tolte i servizi, a che servono? credi veramente che te le tolgono? e in tal caso non credi che salveresti 300 euro al mese di tasse per pagarne 500 di assicurazioni varie per assicurarti gli stessi servizi?

0 0
Vote up!
Vote down!

Onestamente credo che l'unico problema sia che come si parla di "posti pubblici" tutti quelli interessati, impiegati pubblici appunto, come l'impiegato di polizia o l'infermiera o l'insegnante qualche riga piu' su', risentono in maniera negativa ed appunto rinfacciano il fatto di sudarsi lo stipendio. Bè io credo che si debba invertire rotta e che ci sia davvero bisogno di cambiare mentalità. il lavoro , in un'economia capitalistica, deve produrre soprattutto ricchezza economica e non solo servizi, è vero i servizi quali le forze armate , la sanità, la pubbliza istruzione sono importanti, ma sono come l'utilitaria che si tiene parcheggiata sotto casa, se si puo' mantenerla bene, altrimenti si và a piedi o in bicicletta, tutto stà alla possibilità della propria tasca. Il paese ha bisogno di persone che si alzino la mattina e che producano ricchezza, soldi per intenderci, un pò come in una famiglia dove il padre porta a casa lo stipendio per fare la spesa e per il manage familiare.
Appunto il manage familiare, credo proprio che non possa superare lo stipendio...... e questo è quello che accade in Italia dove per pagare stipendi e servizi il più delle volte superflui abbiamo un debito pubblico allucinante.

0 0
Vote up!
Vote down!

Giusto giustissimo lavorare di più sempre di più per fare in modo, che i nostri governanti abbiano modo, di mangiare sempre di più poverini. Loro in cambio ci regalano l'aumento dell'età pensionabile a 65 anni e o 40 anni + 1 di contributi e non è finita, mentre per il detto che la legge è uguale per tutti per loro è sufficiente una legislatura di soli tre anni.

0 0
Vote up!
Vote down!

Sono una dipendente pubblica,dal mio stipendio viene detratto il 38% e pago le tasse x tutti i fannuloni che ci sono in Italia...che usufruiscono dei servizi e poi si lamentano.

0 0
Vote up!
Vote down!

Beh, si è vero. La quota di tasse che il dipendente pubblico paga è certa e non si evade e viene tolta dal suo stipendio. Tuttavia: 1) il dipendente pubblico lavora (fonte banca d'Italia) 266 ore in meno di un dipendente privato 2) in realtà stipendio e tasse gliele paga il settore privato.

0 0
Vote up!
Vote down!