Notizie su mercato immobiliare ed economia

Chi vive in affitto in realtà sogna di comprare

l'eterno dilemma: compro o affitto?
Autore: Redazione

L'eterna disputa tra affittare e comprare una casa in Italia ha un chiaro vincitore. Da noi infatti solo il 18,9% della popolazione vive in affitto e, secondo un'inchiesta appena pubblicata, in realtà si tratta di una necessità, più che di una scelta. Chi vive in affitto, dunque, penserebbe solo a come fare per comprare

Secondo un'indagine di solo affitti ecco quali son le motivazione di chi stipula un contratto di locazione:

- Il 50% dichiara di avere necessità di un'abitazione principale

- Il 30% per motivi di lavoro che impongono dei trasferimenti

- Il 20% per motivi di studio

Queste percentuali possono oscillare notevolmente da città a città. Per esempio a Napoli i motivi di lavoro rappresentano una percentuale più alta (60%)

Le motivazioni si riflettono anche nei contratti d'affitto. Il 44% sono infatti dei 4+4, ossia dei contratti di locazione che garantiscono continuità. Il 26% sono dei contratti transitori, tipici dei trasfertisti

Il contratto a canone concordato rappresenta il 25% del totale, ma con grandi differenza tra città e città. Molto diffuso a Bologna (77% del totale) e Firenze (56%), è quasi assente a Milano o Napoli

Secondo Silvia spronelli, presidente di "solo affitti", da noi la cultura della prorprietà è ancora fortemente radicata e, salvo casi isolati, non è declino. In altri paesi invece, come per esempio gli stati uniti, che pure hanno sempre avuto un elevato indice di proprietà, tra le nuove generazioni si sta affermando una diversa cultura dell'affitto, giudicato come una scelta che offre maggiori libertà di spostarsi, rispondere alle sfide del mercato del lavoro contemporaneo e soprattutto non impegna nel lungo periodo

Vedi anche:

Quando l'affitto è meglio dell'acquisto: vivere come un pasciá

Qui trovi tutte le offerte: affitto

Articolo visto su
(La stampa)