Notizie su mercato immobiliare ed economia

Cosa succede quando gli stipendi sono legati alla produttività

Autore: Redazione

Angela markel ne ha fatto la sua bandiera: i paesi europei devono cambiare atteggiamento riguardo ai salari. La produttività dev'essere il nuovo indicatore e le imprese devono poter essere libere di applicare dei propri criteri sulle retribuzione, senza più contratti nazionali. Non molto distante da ciò che dice marchionne, insomma. Ecco cosa succede se si introduce questo criterio

Innanzitutto il salario diventerebbe variabile: una parte sarebbe fissa, un'altra sarebbe conseguenza del lavoro svolto dal singolo lavoratore o dall'equipe a cui appartiene. Questo, ovviamente, è già un sistema in uso in certi settori, come quello commerciale, ma non lo è nell'industria o nei servizi

La realizzazione di certi obiettivi da parte dei lavoratori e i risultati dell'impresa, determinano la parte b del salario. La parte fissa, invece, potrebbe restare collegata ad un contratto di categoria di riferimento e soggetta agli accordi collettivi

I sindacati, generalmente, apportano questa obiezione: l'impresa deve essere assolutamente trasparente, sia sugli obiettivi, sia sui risultati. E chi lo garantisce? non potrebbe nascondere i propri successi, per pagare di meno i lavoratori quando la produttività cresce? chi controlla l'impresa?

Allo stesso tempo per molti analisti è impensabile lasciare le cose come stanno, con i contratti collettivi nazionali di settore, perché ogni impresa è un mondo a parte e può reagire di fronte ai mercati con tempistiche e risultati diversi

Inoltre, se introduciamo il criterio della produttività, l'impresa deve anche adoperarsi per far sí che questa aumenti, in termini di organizzazione del lavoro ed è evidente come le piccole e medie imprese siano meno capaci di farlo, per mancanza di fondi e di una struttura sufficienti

Gli esempi virtuosi, in ogni caso, ci sono. Siemens (3,4%), google (+10%) e volkswagen (+3,2%) sono tre casi celebri di imprese che hanno aumentato i salari dei loro lavoratori in piena crisi. Perché? perché sono riuscite ad aumentare la produttività

Il caso contrario, nissan. I lavoratori della fabbrica di barcellona dell'impresa automobilistica giapponese hanno accettato una congelazione salariale per il 2011, per poter garantire la competività di un nuovo furgoncino. Con l'inflazione che potrebbe arrivare al 3%, si tratta, di fatto, di una diminuzione salariale

I paesi che hanno adottato in forma diffusa il criterio della produttività sono in europa germania e regno unito. Gli stati uniti, ovviamente, sono un caso diverso e lì le imprese fanno semplicemente ciò che vogliono. Francia, Italia e spagna invece, hanno un sistema più tradizionale, con la preminenza dei contratti nazionali collettivi e l'aumento salariale, di fatto, legatyo all'inflazione