Notizie su mercato immobiliare ed economia

Milano, gli affitti aumentano ancora dell'1,1% nel secondo trimestre

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Secondo l’ufficio studi di idealista, affittare una casa a Milano costa in media 15,6 euro al metro quadro mensili, dopo l’incremento dell’1,1% registrato negli ultimi 3 mesi. Le richieste dei proprietari sono lievitate del 3,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Significa che per 65 metri quadrati – la metratura standard secondo i dati del portale -si spendono in media 1.014 euro al mese, che diventano 1.560 per un trilocale (o quadrilocale) da 100 metri quadrati.

In 11 delle 17 zone cittadine i prezzi sono saliti dopo i mesi primaverili. La performance migliore riguarda Città Studi Lambrate (7,6%), seguita da Fiera-De Angeli (4,9%), Forlanini (4,3%) e Corvetto-Rogoredo (4,2%). Prezzi sopra la media degli incrementi del periodo anche per Navigli-Bocconi (3,7%), Famagosta-Barona (3%) e Cermenate Missaglia (2,9%).

Il fronte dei ribassi è guidato da Certosa (-2,5%), seguita da Greco Turro (-2%) e Lorenteggio Bande Nere (1,9%).

Accusa una battutta d’arresto quseto trimestre anche il Centro Storico (-1,5%) le cui valutazioni restano sopra i 20 euro al metro quadro mensili. A Milano i prezzi dei canoni sono rimasti livellati verso l’alto nonostante la crisi, con tutti i quartieri con prezzi superiori ai 10 euro; la zona più economica è infatti Baggio con 10,5 /m².

La graduatoria dei quartieri più esclusivi vede il Centro Storico (20,8 euro/m²) saldamente al comando, ma Garibaldi-Porta Venezia (17,6 euro/m²), Navigli-Bocconi (16,7 euro/m²) e Fiera-De Angeli (16,2 euro/m²) crescono a ritmo sostenuto.

Nel resto delle province lombarde
Valori in altalena nelle 10 province lombarde, nonostante il trend dei prezzi delle locazioni presenti il segno più a livello regionale. Dai mesi primaverili i nuovi inquilini dovranno mettere in preventivo un esborso maggiore a Brescia (3,8%; 7,8 euro/m²), Lecco (3,8%; 7,1 euro/m2), Mantova (0,8%; 5,9 euro/m2) e Cremona (0,4%, 6 euro m/2)

All’opposto, la maggiore caduta del trimestre spetta a Como, con un calo del 7,2%, a 8,1 euro al mese. La seguono nella graduatoria dei ribassi Monza-Brianza (-2,9%; 7,9 euro/m²), Pavia (-1,2%; 6,5 euro/m²), Bergamo (-0,8%; 7,5 euro/m²) Varese (-0,2%; 7,9 euro/m²).

Per Vincenzo De Tommaso, responsabile dell’ufficio studi di idealista, “Il mercato degli affitti sembra godere di buona salute, con rendimenti in crescita a partire dalle grandi città del centro-nord, come Milano, Bologna e Torino, poli di attrazione per il lavoro. La crescita è generalizzata per appartamenti ben tenuti, situati in quartieri cittadini che offrono servizi e buona qualità della vita”.