Notizie su mercato immobiliare ed economia

Roma, scegli una fermata della metro e ti dirò quanto ti costa comprare o affittare casa

clicca sull'immagine per avere accesso alla mappa di idealista
clicca sull'immagine per avere accesso alla mappa di idealista
Autore: Redazione

Una mappa del mattone cittadino sui binari della rete metropolitana. È il nuovo strumento offerto da idealista che permette di mettere in relazione i prezzi di vendita e di affitto delle case situate in un raggio di 500 metri da ciascuna delle fermate della metro di Roma, grazie ai dati ottenuti da idealista. Una mappa interattiva che, ad esempio, consentirà agli utenti di scegliere la combinazione perfetta tra risparmio e vicinanza al proprio luogo di lavoro

Naturalmente le stazioni nelle zone più centrali sono anche le più care sotto il profilo immobiliare, ma basta uscire da quella sorta di trapezio ai cui estremi troviamo – da nord-ovest a sud-est – Ottaviano, Spagna, Colosseo e Termini, per risparmiare svariati euro sull’affitto o sul prezzo di acquisto di un’abitazione, senza rinunciare alla comodità della metro sotto casa.

 Secondo Vincenzo de Tommaso, Ufficio studi di idealista, “a Roma più che in qualsiasi altra parte d’Italia, il problema traffico è particolarmente sentito. La mappa interattiva mostra che una buona ubicazione in prossimità di una stazione relativamente periferica fa cadere il prezzo fino a cinque/sei volte rispetto alle vie del centro. Allo stesso tempo la metropolitana a portata di mano può avere effetto rilevante sulla tenuta dei valori immobiliari di una determinata zona. Come si è verificato a Roma in questi lunghi anni di crisi del mercato immobiliare”. 

I prezzi di vendita lungo la metro di Roma

Lungo la Metro A, che taglia la Capitale da est a ovest, si trovano le fermate più esclusive, con il top nel quartiere Flaminio (9.256 euro/m²), Spagna (8.942 euro/m²) e Repubblica (6.138 euro/m²). Superano i  5 mila euro al metro quadro anche Lepanto e Ottaviano (snodo della linea C).

I metri quadri più convenienti – tutti valori inferiori ai 3mila euro al metro quadro – si trovano invece a Cinecittà (2901 euro/m²), Lucio Sestio (2965 euro/m²), Numidio Quadrato (2821 euro/m²) e Porta Furba/Quadraro (2664 euro/m²). Sforano i 5mila euro al metro quadro anche Cavour (6780 euro/m²), Circo Massimo (6365 euro/m²) e l’EUR (5066 euro/m²).

Sulla linea B della metropolitana romana non si arriva alle vette della metro arancione, ma si sfiorano i 7mila euro al Colosseo (6936 euro/m²). Metri quadri decisamente più accessibili solo poche fermate più in là, a Pietralata (2.787 euro/m²), Rebibbia (2.756 euro/m²) e Santa Maria del Soccorso (2.630 euro/m²).

La linea C, in construzione dal 2007 e non ancora completata, si estende oltre il Grande Raccordo Anulare, nella periferia est della Capitale. Presenta pertanto i prezzi più interessanti per chi è in cerca di un’abitazione economica per gli standard cittadini, in zone ben servite dai mezzi di trasporto pubblico. Lungo il tragitto della “Verde”, infatti, i prezzi non vanno oltre i 4.186 euro al metro quadro di Lodi, ma tutte le altre fermate non superano i 3 mila euro al metro quadro, a partire dal Pigneto (2919 euro/m²), scendendo stabilmente sotto i 2mila euro al metro quadro nei punti più periferici. Ad est del percorso della Metropolitana i metri quadri più convenienti, con Torre Angela (1.511 euro/m²) e Grotte Celoni (1.570 euro/m²), prima di raggiungere Monte Compatri/Pantano (1.830 euro/m²), il capolinea sud della terza linea metropolitana di Roma.

Affitti: dalle zone più care alle più economiche della città

Come per i prezzi di vendita anche gli affitti viaggiano veloci sulla linea A, dove Spagna (28,1 euro/m²), Flaminio (26,7 euro/m²) e Barberini (24,5 euro/m²) salgono sul podio della graduatoria dei valori.

Altre tre fermate sulla “Linea B” sfondano il tetto dei 20 euro mensili, sono: Colosseo (23,8 euro/m²), Cavour (23,1 euro/m²) e Circo Massimo (20,3 euro/m²).All’opposto sono appena 6 su 73 le destinazioni metropolitane appena sotto i 10 euro al metro quadro, in una forbice compresa tra i 9,7 euro di Giardinetti e gli 8,5 di Graniti; oltre la metà di queste presentano valori sopra la media dei 13,9 euro/mese richiesti in media dai proprietari romani. Numeri che rendono piuttosto improbabile trovare un bilocale con meno di 600 euro al mese anche nella periferia più estrema della Capitale servita dalle linee metropolitane.