Notizie su mercato immobiliare ed economia

Partita Iva, come funziona il regime forfettario 2019

Autore: Redazione

La legge di Bilancio 2019 ha introdotto anche la cosiddetta mini flat tax. Si tratta della partita Iva con regime forfettario al 15% per chi abbia percepito compensi fino a un massimo di 65.000 euro durante l’anno precedente. Ma vediamo nel dettaglio come funziona, i requisiti per accedervi e chi ne resta fuori.

Trattandosi di regime naturale per chi ne possiede i requisiti, non è richiesto l’esercizio di un’opzione né l’invio di alcuna comunicazione, preventiva o successiva. Invece, chi avvia un’attività può avvalersi del regime forfetario comunicando, nella dichiarazione di inizio attività (modello AA9/12), di presumere la sussistenza dei requisiti.

Requisiti di accesso al regime forfettario 2019

Rispetto a quanto accadeva in precedenza, la legge di Bilancio 2019 ha eliminato anche i seguenti paletti che impedivano l’accesso al regime agevolato della partita Iva:

  • spese per lavoro dipendente e assimilati non superiori a 5.000 euro lordi;
  • beni strumentali di costo non superiore a 20.000 euro;
  • percezione di redditi da lavoro dipendente di importo non superiore a 30.000 euro.

Ecco quindi quali saranno i nuovi requisiti per l’accesso al regime forfettario 2019:

  • svolgimento di attività artistica, di impresa e di lavoro autonomo e professionale svolta in forma individuale (non sono quindi ammesse al regime forfettario le società e gli altri soggetti collettivi);
  • limite di ricavi non superiore a 65.000 euro;
  • divieto di svolgimento in prevalenza dell’attività nei confronti del proprio datore di lavoro o di un soggetto che lo è stato nei due anni precedenti o, comunque, di un soggetto ad esso riconducibile;
  • divieto di partecipazione a società di persone, associazioni, imprese familiari;
  • divieto di controllo, direttamente o indirettamente, di Srl o associazioni in partecipazione che esercitano attività direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dal soggetto in forfait.

Ma i vantaggi per i contribuenti che aderiscono al regime di tassazione sostitutiva Irpef previsto dal regime forfettario 2019 non riguardano solo il campo delle imposte da versare. Oltre alla mini flat tax del 15%, infatti, chi possiede una partita Iva con regime forfettario 2019 è esentato dall’obbligo di fatturazione elettronica (solo per quanto riguarda il proprio attivo).