Notizie su mercato immobiliare ed economia

Real Estate globale, le previsioni 2020 di Nuveen Real Estate

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

A questo livello dell’emergenza, le previsioni di Nuveen Real Estate sul mercato immobiliare globale vedono alcuni Paesi che vedono la luce in fondo al tunnel, altri che dovranno pazientare ancora. Ecco il sentiment degli esperti.

Nuveen Real Estate
Nuveen Real Estate

Outlook per il real estate europeo

La pandemia è in gran parte sotto controllo in Europa, e tuttavia i focolai locali (ad es. gruppi familiari, alloggi pieni di lavoratori), che si sviluppano nonostante la vita pubblica in estate si sia spostata in gran parte all'aperto, sono un severo monito della possibilità che il “ritorno alla normalità” appena raggiunto sia difficile da mantenere nelle stagioni più fredde.

Nei prossimi mesi, secondo Nuveen Real Estate, la maggior parte dei programmi nazionali di sostegno ai lavoratori giungerà a termine e gli economisti avvertono che questo avrà un forte impatto negativo sull’occupazione, avviando così una grave recessione.

Con la riapertura della maggior parte delle attività economiche, compresi i viaggi internazionali, ad eccezione dei grandi eventi, tutti gli occhi sono puntati sui pacchetti di incentivi governativi e su quanto costose, rilevanti e di impatto le diverse misure messe in atto potranno essere, a cominciare dalla riduzione temporanea dell'IVA.

L’ampiezza delle difficoltà economiche non potrà essere evidente fino almeno all'autunno, così come dati attendibili sulla propensione dei consumatori a viaggiare e a frequentare ristoranti, palestre e altri luoghi di aggregazione al chiuso.

Previsioni 2020 per il real estate negli Usa

Indicatori quotidiani come mobilità, consumo di energia e traffico aereo passeggeri suggeriscono che l'economia degli Stati Uniti abbia toccato il fondo e una ripresa sia già in corso. Il St. Louis Fed Financial Stress Index, che misura la volatilità dei mercati del reddito fisso e azionari, è vicino alla sua media a lungo termine, elemento che suggerisce che la volatilità dei mercati finanziari sia diminuita precipitosamente rispetto ai massimi di marzo 2020. I mercati stanno scommettendo sugli stimoli finanziari che la Federal Reserve e il Congresso hanno già messo in atto e che continueranno a lanciare.

Secondo il Green Street’s Commercial Property Price Index i valori aggregati degli asset immobiliari negli Stati Uniti sono diminuiti dell'11% nei primi cinque mesi del 2020. I valori degli immobili hanno iniziato a scendere ad aprile e maggio 2020, quando si sono avvertiti gli effetti della pandemia. I centri commerciali e gli alloggi hanno registrato un calo dei valori del 25% negli ultimi tre mesi, mentre le residenze per studenti e i negozi al dettaglio hanno registrato un calo pari al 15% circa. Nel frattempo, i valori del segmento industriale, delle case prefabbricate e degli spazi dedicati alle aziende biotech hanno subito una flessione solo del 5% tra aprile e maggio 2020.

Previsioni immobiliari per l’Asia Pacifico

Anche se la pandemia appare largamente sotto controllo nella regione Asia-Pacifico, una nuova ondata di infezione a Pechino e nello stato Victoria in Australia hanno reimposto misure di distanziamento sociale. Singapore è entrata nella fase 2.