Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bonus part time pensione, di cosa si tratta

Autore: Redazione

Il bonus part time per chi ritarda la pensione è una misura con la quale lo Stato incentiva i lavoratori a rimandare l’accesso alla pensione di qualche anno restando al lavoro. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Il bonus part time pensione, che può essere richiesto esclusivamente dai lavoratori del settore privato in accordo con il datore di lavoro, è stato introdotto dalla legge di Stabilità del 2016. E’ rivolto a coloro che una volta raggiunta l’età per la pensione di vecchiaia (66 anni e 7 mesi e 20 di contributi) o per quella anticipata (42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini, uno in meno per le donne) decidono di restare a lavoro per un massimo di 3 anni passando però da un orario di lavoro full time a uno part time.

Il lavoratore che accetta un impiego part time piuttosto che andare in pensione può beneficiare di un bonus in busta paga oltre che alla piena contribuzione, in questo modo vedrà aumentare l’importo della pensione una volta che smetterà di lavorare.

Lo stipendio viene integrato nella misura pari alla contribuzione persa con il passaggio all’orario part-time: quindi alla retribuzione prevista per l’orario ridotto bisogna aggiungere il 33% di quella precedentemente riconosciuta. Beneficiando del bonus part time è possibile ridurre l’orario di lavoro da un minimo del 40% a un massimo del 60%.