Notizie su mercato immobiliare ed economia

Nomisma: inizierà nel 2015 la lenta ripresa del mercato immobiliare

Autore: Redazione

Nel 2013 e nel 2014 proseguirà l'aggiustamento dei prezzi degli immobili, ma l'anno prossimo la spirale recessiva che ha caratterizzato i mutui e le compravendite si allenterà e sarà l'inizio di una lenta ripresa per il settore immobiliare che si concretizzerà a partire dal 2015. È quanto emerso dal nuovo rapporto nomisma sul mercato immobiliare

"La seconda ondata recessiva iniziata nel 2011 - si legge nel rapporto- parrebbe essere giunta a conclusione: anche se per il 2014 non si preannunciano significativi miglioramenti, a partire dal 2015 si ritiene plausibile un avvio di ripresa". L'arresto della contrazione caratterizzerà il versante delle compravendite e dei mutui, mentre il repricing degli immobili continuerà nel prossimo biennio anche se con percentuali via via minori

Compravendite in calo

Per quanto riguarda le transazioni, per la fine del 2013 si prevede un ulteriore calo degli scambi (-8,3%), sebbene a ritmi meno elevati che in passato. Quest'anno dovrebbe chiudersi con circa 407mila compravendite, mentre nel prossimo biennio le transazioni dovrebbero aumentare a un ritmo superiore al 9% annuo, rimanendo pur sempre al di sotto delle 500mila unità. Nelle tredici maggiori città la contrazione dovrebbe attestarsi intorno al -5,6%

Continua il reprecing

L'aggiustamento dei prezzi continuerà nel prossimo biennio "seppure con un'intensità via via decrescente". Nel secondo semestre si è registrata una variazione del -2% per le abitazioni nuove e del -2,2% per quelle usate, in ribasso rispetto ai cali del primo semestre. Il reprincing sarà ancora significativo per il 2014 per tutti i comparti immobiliari, mentre sarà più contenuto nel 2015 (inferiore al 2%)

Quanto ai tempi di vendita, perlopiù stabilizzati (8,4 mesi in media), mentre si sono allungati di appena 10 giorni quelli relativi a uffici e negozi, portandosi rispettivamente a 10,8 e 10,1

Uno spiraglio per i mutui

Per quanto riguarda il versante mutui inel primo semestre 2013 le consistenze dei prestiti alle famiglie consumatrici si sono ridotte di circa 3 miliardi di euro rispetto al semestre precedente. Di questi 3 miliardi, la quasi totalità è riferibile al calo dei prestiti per acquisto di abitazioni, che passano da 343,5 a 341,9 miliardi di euro. A fronte di tale calo - viene precisato - aumenta la quota di prestiti deteriorati, che passa dal 5,4% al 5,8% per la componente di acquisto di abitazioni"

Ciò nonostante, secondo nomisma "si intravedono alcuni segnali che possono prospettare per il 2014 un arresto della contrazione delle erogazioni e l'avvio di un processo di lenta ripresa. Il primo elemento positivo deriva dalle percezioni degli stessi istituti bancari, che segnalano per l'ultimo trimestre 2013 l'avvio di una tendenza di offerta creditizia meno restrittiva a fronte di una domanda percepita in leggera crescita"

per commentare devi effettuare il login con il tuo account

Commenti

Certo, adesso però mangia le verdure.

0 0
Vote up!
Vote down!

Nomisma. Che ridere!
A novembre 2015 diranno che è rimandata al 2017

0 0
Vote up!
Vote down!

Se pure nomisma ci dice che ci attendono due anni di calo dei prezzi...

Con una modestissima ripresa del numero delel compravendite (meno di 500mila l'anno!!!)

0 0
Vote up!
Vote down!

Saranno meno di 400 mila quest'anno... in mano alle agenzie di conseguenza meno di 200.000 !!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Non ci sono soldiiiiiiii ...... aziende in contrazione..... scivoli per i dipendenti bancari..... mobilità aperta ai dipendenti pubblici....... le case da vendere marciranno per lunghi anni !

0 0
Vote up!
Vote down!

Mah, solite cavolate
In verità credo che nemmeno conviene vendere immobili in questo momento, a meno di urgente necessità economica, considerato che lo stato è in perenne caccia di soldi e...gira e rigira...metterà in atto l'infame prelievo forzoso da tutti i c.c. Degli italiani

0 0
Vote up!
Vote down!

.......metterà in atto l'infame prelievo forzoso da tutti i c.c. Degli italiani.

Povero illuso, lo stato non farà mai prelievi sui conti per due semplici motivi:

1) I capitali si trasferirebbero del tutto legalmente in altri paesi europei come germania e francia.
2) i soldi che i risparmiatori tengono in banca non sono fermi ma vengono utilizzati per comprare titoli di stato e prestarli a famiglie e aziende.

Quello che invece stato e comuni faranno sarà di aumentare la pressione fiscale sulle case lasciate vuote.

0 0
Vote up!
Vote down!

Purtroppo temo che il povero illuso sei proprio tu

0 0
Vote up!
Vote down!

Io credo che prelevera' sia sui conti correnti che sulle case vuote

0 0
Vote up!
Vote down!

Sulle case, sia vuote che abitate, lo stato già "preleva"
Presto lo farà anche sui conti correnti
Lo stato ha fame e non guarderà in faccia a nessuno

0 0
Vote up!
Vote down!

Vende solo chi accetta il ritorno ai prezzi pre euro, tutti gli altri possono solo continuare a sognare e pagare tasse su immobili inutilizzati che saranno giustamente sempre più alte.

0 0
Vote up!
Vote down!

Difficile credere a questa notizia: la realtà è che il prossimo anno ci saranno ancora più disoccupati del 2013, e quindi ancora meno potenzialità di gente che vorrà acquistare una casa.
Anche ammettendo, per assurdo, che domani mattina tutti questi disoccupati riuscissero a trovare un lavoro stabile e sicuro, gli stessi impiegherebbero almeno 5 / 6 anni per poter mettere da parte un gruzzoletto di almeno € 30.000 per versare una caparra di acquisto. Senza pensare che la stragrande maggioranza di loro dovrà prima chiudere i propri debiti.
Ed ancora: acquistare una casa in Italia in questo momento - diciamolo chiaramente - non è più un vero investimento: pagare una casa oggi € 200.000 per avere sicuramente una valutazione domani di € 180.000, e dopodomani di € 150.000 è una rimessa ormai conclamata. Quindi, le uniche possibilità di ripresa del mercato potrebbero essere quelle indirizzate all'acquisto come prima casa. Ma i clienti per questo mercato li abbiamo già definiti e sono quelli sopra.

Tutto il resto della clientela, almeno una prima casa la possiede e per i motivi di scarso investimento sopra detti non comprerà una seconda.

Con questo quadro, secondo cui fra appena 24 mesi si ricominceranno a vendere le case?

F.to: un esperto immobiliare.

0 0
Vote up!
Vote down!

Chi dice che si vende solo a prezzi pre-euro evidentemente non conosce la realtà. le 400.000 case vendute , previste per quest'anno, consentiranno ancora di fare lauti guadagni a quelli che le hanno comprate pre-euro.
Chi ha un minimo di conoscenza del mercato, lo sa '.

0 0
Vote up!
Vote down!

Se piove in tutta Italia, vuol dire che piove in tutta Italia. Che poi ci sia qualche chilometro quadrato in cui non piove, questo ci puo' stare. Che qualcuno venda a prezzi alti, che qualcuno guadagni, ci sta. Ma piove, piove, e piove praticamente dappertutto. E se non piove piovera'.

0 0
Vote up!
Vote down!

Rispondendo a l commento 8 : sei onesto e guardi in faccia alla realtà, tranne gli agenti idioti di tempocasa che continuano ad essere, detta loro, i migliori. Offrono loro stessi le caparre ai proprietari a prezzi stracciati, attendono di rivenderlo facendoci la cresta!... se riescono ancora

0 0
Vote up!
Vote down!

Le capriole di agenti immobiliari senza lavoro ci interessano poco: le speculazioni possibili nel 2000 / 2005 Semplicemente non sono più realizzabili: il mercato immobiliare lo stadio al rialzo e quindi non permette questi tipi di operazioni. Con il mercato attuale già riprendere la stessa somma spesa tre o quattro anni fa è già una grande conquista, ed ambizione. La stragrande maggioranza dei venditori non ci riesce nemmeno.
Certamente, chi ha acquistato in lire e rivende anche in questo momento di crisi comunque a un guadagno, ma nel contempo è la moneta stessa che non ha lo stesso potere d'acquisto e quindi sono sì più soldi, ma con gli stessi si può comprare meno di quello che ci si poteva comprare all'epoca.

0 0
Vote up!
Vote down!

Infatti è assolutamente sconsigliato vendere immobili in questo periodo a meno che non si è prossimi al fallimento o sventure simili
E li sono cacchi amari per chi compra pensando di aver finalmente fatto l'affare..

0 0
Vote up!
Vote down!

Sono cacchi amari per chi pensa di vendere, n.b. "Quando deciderà di farlo", pensando di fare un'opera di carità vendendo all'1% in meno ai prezzi del 2007, e lo sai perché?
Perché non riceverà neanche un'offerta e rimarrà per mesi, più probabilmente anni, a chiedersi il perché mentre, per lui, continua ad aumentare il divario tra il mondo reale e quello in cui s'immagina di vivere.

0 0
Vote up!
Vote down!

E chi ti dice che deciderà di farlo? potrebbe affittare visto che un tetto sopra la testa serve a molti!

0 0
Vote up!
Vote down!

E chi ti ha invece detto che qualcuno sarà costretto a comprare?

0 0
Vote up!
Vote down!

Nessuno costringe nessuno a vendere o comprare: ragioniamo ognuno con la propria testa e soprattutto con le proprie tasche!

0 0
Vote up!
Vote down!

Se affitterà (e come lui altri)....aumento degli immobili in affitto=calo del costo degli affitti.....è inutile, come la giriate chi ha un immobile comprato nel 2007 ha preso una fregatura....e la ripresa (per il culo) se va bene ci sarà fra 15 anni con la morte dei parassiti della classe dirigente attuale (al 90% anziani) che infestano questo paese

0 0
Vote up!
Vote down!

Sembra che tutti gli immobili siano stati comprati nel 2007!!! ma dov'è scritto???
Conosco gente che ha ereditato case comprate 30,o più, anni fa in lire e non vuole vendere, sotto una certa cifra, oggi in euro! eppure avrebbero comunque un enorme guadagno!

0 0
Vote up!
Vote down!

Sentire certi discorsi, sembra come ascoltarne sul sesso degli angeli.
Vuoi affittare? e a quanto?
Qui c'è gente che parla delle case sempre "di un certo livello", in soldoni, quanto sarebbe l'affitto dalle 1.200 euro al mese in su?
Chi doveva comprarsi casa lo ha fatto da tempo, coloro che sono in affitto da tempo, quando il contratto d'affitto scade, si rimodula al ribasso mentre tutte le tasse aumentano.
Vuoi affittare ai giovani? quali e con quale reddito? quelli con i contratti a termine che guadagnano al massimo 1.000 euro al mese? e secondo te questi restano in Italia a lavorare come schiavi per guadagnare una cifra che non basta loro neanche per pagare l'affitto?
Ma tu, scusa, ma dove vivi? ma ce l'hai una casa in affitto o parli come ti viene in mente?
Mia nonna ne ha una a Roma a monteverde e l'affitta a 800 euro al mese. Lo scorso anno tolte le tasse, le spese e le rogne con l'inquilino si è messa in tasca 3.200 euro n.b. "In tutto l'anno" e l'appartamento accanto, uguale, all'epoca dei mutui pazzi, è stato venduto a 360.000 euro, a conti fatti oggi quest'affitto le da un rendimento dello 0.88%, che, se consideriamo i 340.000 euro di sette anni fa, opportunamente rivalutati, sarebbe ancora più basso.
Purtroppo c'è una realtà alla quale molti si ostinano a non rassegnarsi: il mattone aveva un significato importante nella società di 30 anni con determinate caratteristiche e presupposti, oggi quelle caratteristiche e presupposti, semplicemente non esistono più e quindi il valore e l'importanza dei mattoni dovrà necessariamente cambiare

0 0
Vote up!
Vote down!

Si, ho case affittate a Roma e Milano e, tolte tutte le spese, rendono bene
Non ho nessuna intenzione di vendere ma semmai di comprare

0 0
Vote up!
Vote down!

Io ho affittato un grande appartamento all'esquilino (Roma) per poi riaffittarlo a "posti letto" agli extracomunitari e ci vivo benone (non faccio altro) - chi possiede una casa se la cava sempre!

0 0
Vote up!
Vote down!

#41

Sei un essere orrendo che specula sulla pelle dei poveracci.

Fai ribrezzo

0 0
Vote up!
Vote down!

Si, ma non abbiamo capito: la casa é tua quella che hai affittato o hai fatto un sub affitto?

0 0
Vote up!
Vote down!

... e' come con la crisi economica... e anni fa il Berlusca a dire che i ristoranti e le autostrade erano piene! Ora sembra che anche la pioggia e la diarrea siano colpa della crisi.
Allo stesso modo, qualcuno timidamente inizia a parlare di bolla. Ma timidamente, non sia mai che si scopra che il re e' nudo. Diciamo che e' "sottovestito", "diversamente vestito", "leggero" etc.
Il termine "repricing" vuole nascondere la verita', cioe' il crollo.
Perfino una diminuzione del ritmo del crollo dei prezzi vieni visto come una ripresa.
Il bicchiere vuoto, secco, sporco di vino che viene visto come bicchiere mezzo pieno

0 0
Vote up!
Vote down!

Ma a fine 2012 non ci avevano detto che avevamo toccato il fondo e che a fine 2013 ci sarebbe stata la ripresa?

0 0
Vote up!
Vote down!

Io ho ereditato due "pezzi" di casa.... nella mia situazione ne conosco molti, vorremmo vendere, anche svendere ma nessuno compera. Per il momento sono li che marciscono e ci pago pure le varie spese ed imposte.... ammiro gli ottimisti !

0 0
Vote up!
Vote down!

Tanti immobili non hanno mercato infatti
Se non vuoi pagarci le tasse regalali a qualche organizzazione benefica

0 0
Vote up!
Vote down!

Bene allora fino al 2015 non si deve comprare, perchè prevedono un forte ripasso dei prezzi per avere una ripresa!!! ;-)

0 0
Vote up!
Vote down!

Non si deve comprare nè vendere
Ci mettiamo alla finestra e aspettiamo di vedere chiudere tutte, ma proprio tutte, le agenzie immobiliari

0 0
Vote up!
Vote down!

Sparati

0 0
Vote up!
Vote down!

Bisognerebbe sottolineare che cosa si intende per ripresa … parliamo dei prezzi … se il prezzo era 100 e post “crisi” il costo è diventato 80 … la ripresa inizia quando il prezzo è 85, invece in molti sono convinti che avendo tenuto duro a 100, non piegandosi al mercato, adesso con la ripresa possono addirittura vendere a 105 !!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Toccano i c/c ? te lo puoi scordare! toccheranno sempre più le case. I soldi volano i mattoni no. Sono maldestri ma non stupidi. Il giorno che toccheranno i c/c tutti faranno la ressa presso le banche per ritirare i capitali e queste saranno costrette a chiudere.. Pensi veramente i politici non sappiano questo?
In un paese che si popola sempre più di baraccati e in cui i cervelli vanno a l'estero la ripresa non sarà difficile sarà semplicemente un'illusione. Addio bei tempi passati. Auguri a tutti

0 0
Vote up!
Vote down!

Infatti i politici sono tutt'altro che stupidi e quando toccheranno i c.c. Con prelievo forzoso loro faranno in tempo a mettersi in salvo mentre tutti gli altri no! cipro insegna

0 0
Vote up!
Vote down!

Le case le hanno sempre tassate ma almeno, da proprietari, si riesce a ricavarne rendite

0 0
Vote up!
Vote down!

Concordo:
Oramai sui conti correnti ci sono pochissimi soldi perché oramai la gente è divisa in due categorie. Chi ne ha solo per sopravvivere e chi li tiene investiti = non tassabili.
In Italia ci si è sempre vantati di essere proprietari di immobili e, per questo, essere detentori di ricchezza. È quindi sugli immobili che lo stato applicherà sempre più tasse.
Del resto i soldi sui conti correnti servono per far girare quel po' di economia che resta, servono alle banche, mentre allo stato servono i capitali degli investitori che rifinanzino il debito pubblico, sempre che non decidano di portarli all'estero, cosa facile a farsi, al contrario dei mattoni.

0 0
Vote up!
Vote down!

Perchè mai su questo forum si associa quasi sempre il proprietario di immobili ad un conto corrente vuoto (?) non sarà più veritiero il contrario ...invece (?)
Chi possiede immobili non ha soldi, titoli e quant'altro? boh ...mi rimane difficile crederlo!

0 0
Vote up!
Vote down!

Con l'aria che tira è meglio tenersi stretti gli immobili!

0 0
Vote up!
Vote down!

Beh, così ci confondono però!!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Dove è scritto che bisogna per forza comprare ? i miei vivono in affitto e io pure

0 0
Vote up!
Vote down!

Mah!

0 0
Vote up!
Vote down!

Ma perché chi ha una casa litiga con chi non la possiede ? che senso ha ? invece si pensi che lo stato con i suoi funzionari da 3/4/5/centomila euro anno e più ci ha ridotto in miseria. Basta tagliare quelle paghe e le super pensioni e diminuire le tasse e la ripresa economica sarà possibile.

0 0
Vote up!
Vote down!

Tanti cervelli, tante posizioni, tanti modi di pensare, tante tasche....diverse una dall'altra. Ed anche gli immobili sono diversi, così come diversi sono i luoghi. L'Italia è lunga e "strana". Qui nessuno ha la sfera magica di cristallo. Quindi tutti possiamo dire o scrivere delle ovvietà o delle fesserie. Certo la società italiana (ma anche le altre) diventeranno diverse, cambieranno e cambieranno le consuetudini, le necessità. con la perdita dei posti di lavoro, con gli orari ed i posti lavorativi "flessibili", con il telelavoro, con gli spostamenti lavorativi "forzati" in lungo e largo in Italia (quando non all'estero, se vuoi mantenerti il posto), con i giovani senza lavoro o con lavoro precario, a termine o comunque a progetto, con la violenza che aumenta sempre più nelle città (specialmente nelle più grandi e quindi più anonime e "dure") pensate (ad esempio) che resteranno validi i prezzi supergonfiati dei centri? (Certo fatto salve rarissime eccezioni), ma le città diventeranno sempre più inutili, terra di "lupi", nullafacenti e quindi balordi pericolosi, vecchi più o meno abbandonati a loro stessi, le città diventeranno sempre più care, se non lavori e non hai speranze di trovarlo e magari sei in affitto (ma se è tua è uguale) che ci resti a fare in città così care, dove non si può coltivare, tutto diventerà sempre più caro, da mangiare, i condomini, il riscaldamento, gli spostamenti, le tasse e quindi meno servizi per le periferie. Quante case dovranno "riaggiustarsi" e non solo per la crisi, ma anche per le mutate esigenze o primarie necessità. a parte i B&B, hotel, case vacanze, affitti a studenti o affitti sicuri a famiglie (oggi lavorano e sono sicuri, ma domani?) Che rimane? E per quante e quali case varrà tutto questo? Signori la crisi dovrebbe essere vista con un'occhio a 360°, Non sono solo le tasse. Le banche, la merkel, ecc, ma anche una profonda trasformazione della società. anche gli stranieri, oggi magari ti pagano pure l'affitto ma poi domani? Hanno diverse mentalità ed anche necessità, di solito non hanno radici stanziali nel nostro paese, che non offre quasi più nulla pure a loro. Quindi vedete quante variabili? (E ne ho citate solo alcune, per tentare di far riflettere e capire noi, il popolo, come potrà andare - senza falsi guru, nomisma, tecnocasa ed altri-questi ne sanno quanto voi. Magari lo dicono e scrivono meglio, ma le fesserie sono identiche-magari più gravi) meditate gente, meditate. Comprate casa, quindi, se ne avete la necessità o se potete fare l'affare ma solo con un progetto reale, concreto e finito. No per lasciarla lì . vendete se ne avete necessità, se avete un'altro qualsiasi business in cambio, in questo caso può essere utile anche svendere ma solo perchè spaventati dalle tasse (senza altre minime idee diverse) mi pare deleterio. Ingegnatevi ad utilizzi fantasiosi ed "alternativi".

0 0
Vote up!
Vote down!

Quello che anonimo dice (non capisco gli insulti), ritengo, visto in un'ottica di 360 gradi sia la verita', e' la conferma a quello che e' sempre stato il mio pensiero; ho sempre ritenuto che l'economia (nello specifico il mercato immobiliare) sia in fase di grande trasformazione, solo chi sapra' essere lungimirante nelle scelte non soccombera'..........a pensarci bene ben altre volte abbiamo dovuto superare periodi non floridi, pero' poi le cose si sono sempre "rimodulate" ...........iNSOMMA IL MONDO NON FINIRA' NE' DOMANI NE' DOPODOMANI!!!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Perchè un litro di acqua può costare un euro?
L'acqua è il più prezioso e importante elemento di vita per tutti.
Parto da questa semplice domanda per chiedermi se è normale che le cose di cui abbiamo indispensabilmente bisogno hanno un prezzo assurdo, mentre tantissime cose di cui non abbiamo nessun bisogno, ma che ci fanno comprare senza criterio (come tutti sappiamo attraverso pubblicità martellanti) sono economiche.
C' è qualcosa che non torna e Questa crisi immobiliare ne è solo uno degli aspetti. Per cominciare a capire cosa ci sta accadendo e cosa ci toccherà da vivere, è consigliabile aprire gli occhi che ci hanno chiuso.

Www.disinformazione.it/questo_e_il_potere.htm‎
Www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40990‎Copia cache

0 0
Vote up!
Vote down!

Ll loro Obiettivo è di distruggere l'Euro e l'Europa
Di Corrado Belli - 06/11/2011

Fonte: come Don Chisciotte [scheda fonte]

"Non riposeremo fin quando tutto sarà distrutto" Henry Kissinger e David Rockefeller.

Un piccolo Stato come la Grecia che ha solamente il 2,5% dell'economia in Europa è al centro della scena politica mondiale, quello che hanno mostrato a Cannes i capi governo europei è un totale Caos, da 4 anni discutono su come evitare la crisi tra banche, finanza e politica in tutto lo spettro mondiale, ogni loro seduta che fanno (G8, g20 e sette e mezzo) annunciano di aver trovato la soluzione per risolvere tutti i problemi riguardanti la crisi, ma diventa sempre peggio, non è coincidenza e nemmeno un fallimento, la cosa è voluta di proposito, una sceneggiatura come al Teatro e noi facciamo da spettatori, salvare l'euro non è quello che vogliono, al contrario è la distruzione dell'Euro, è creare l'ordine causando il Caos e questo è il loro grande obiettivo.

Se ricordo bene nel 2009 durante il meeting dei Bilderberg in Grecia ed esattamente a Vouliagmeni avevo scritto che non era stata una coincidenza che i Bilderberg si riunivano proprio in Grecia, papandreou era l'ospitante delle stelle Elitarie che avevano deciso di usare la Grecia come Stato europeo che doveva fare da esca, sappiamo che quando l'Elite trova la soluzione trova anche l'apposito problema che fa a caso su quella soluzione, cioè portare la Grecia di proposito quasi alla bancarotta, con questo sistema possono far cambiare tutto il sistema sociale ed economico in uno stato e senza che la popolazione faccia una grande resistenza, questo è appunto successo in Grecia, la Grecia è stata scelta per far scoppiare una crisi di notevoli dimensioni al fine di far scoppiare una vera e propria crisi in tutta l'Europa.

La Goldman Sachs che è la Banca dei Bilderberg ha creato tutte le opzioni per una crisi e senza uscita per la Grecia avendo fatto di tutto per far entrare la Grecia nei parametri per la sua entrata nell'EURO, poi hanno fatto di tutto che il governo greco si indebitasse e infine alla bancarotta, hanno anche scommesso sulla bancarotta della Grecia che ha fruttato centinaia se non migliaia di milioni di Euro alla Goldman Sachs.

Non dimentichiamo che l'Unione Europea e l'Euro furono fondati dietro decisione dei Bilderberg nel 1955 il suo primo "Caimano" Etienne Davignon disse dopo anni che il tutto è stato deciso dai Bilderberg, i Politici di ogni singolo stato della UE hanno solo il dovere di dichiarare la fondazione della UE e dare le informazioni ai media in modo che questi si assumono la responsabilità di disinformare i cittadini sulla costruzione di una super nazione che in fin dei conti è una UNIONE SINTETICA e senza alcun valore Democratico e Sociale, questo è successo dopo decenni di disinformazione sulla fondazione della UE, adesso sappiamo che è una creatura Dittatoriale dove i cittadini devono solamente nascere e lavorare per soddisfare le perverse voglie di una Elite di Criminali ..fin che morte arriva.

Perché la Grecia è stata scelta come prima vittima?

Le motivazioni sono diverse:

Primo: l’eminenza grigia dei Bilderberg denominato Henry Kissinger odia a morte i greci, lui stesso ha sempre ribadito che l’orgoglio del popolo greco deve essere massacrato, questo lo ha detto a Washington durante una conferenza di imprenditori internazionali nel mese di Settembre del 1974 e ribadito dopo la conferenza dei Bilderberg in Grecia, sottolineando che il popolo greco è troppo Anarchico e quindi pericoloso per la fondazione del NWO, “the Sciacall” sa bene che la cultura dei popoli Europei ha molto da condividere dalla cultura greca che fu poi acquisita dai romani che la tramandarono in tutta l’europa durante le loro conquiste di territorii fino all’Inghilterra, lo stesso Hitler si ornava nelle sue manifestazioni di cultura greca con maestose costruzioni e costumi che i suoi soldati dovevano indossare durante le sfilate, kissinger e Rockefeller sono gli autori del piano distruttivo dell’Europa, i Rothschild stanno dando gli ultimi colpi ai pilastri che fino ad oggi la sostengono;

Secondo: come già specificato la Grecia è il simbolo della cultura Europea, filosofia e Democrazia che per millenni è sono state la pietra miliare per i governi Europei, ed è per questo che la Grecia deve essere distrutta fino alla radice;

Terzo: l’Economia della Grecia è facile da distruggere e non è rilevante come la Cultura, non è mai stata una concorrenza, i suoi prodotti e i servizi sociali in confronto agli altri stati della UE sono troppo cari ..secondo la casta dell’Elite.

L’elite sta usando la bancarotta della Grecia per convincere tutta la zona Euro che se uno stato non può essere salvato c’è il pericolo che la malattia si diffonda in tutta l’Europa trascinandola nel baratro economico, è chiaro che con questo sistema vogliono distruggere la Grecia per salvare le Banche mettendo le mani sempre più profondamente nelle tasche dei cittadini, loro stessi hanno creato questo problema, qualsiasi esperto di Economia ha sempre detto che la creazione dell’Euro avrebbe portato l’Europa al collasso sociale ed economico e specialmente nel Sud Europa… Italia compresa seguite da Spagna, portogallo e con probabilità anche la Francia come canditati alla bancarotta, qui è chiaro come la crisi viene alimentata sempre di più con la promessa che la soluzione sia vicina, i cittadini devono essere diretti verso l’insicurezza, demoralizzati e impauriti fino a che accettano le condizioni che vuole l’Elite, barros e Van Rompuy l’hanno detto chiaramente, ogni Stato della UE deve consegnare la sua sovranità e Finanza a Brussel che la vuole centralizzare a modo suo, un governo centralizzato che controlla tutte le economie di ogni singolo stato che consegnano le loro risorse e finanze nelle mani di un gruppo di criminali/mafiosi e succhia sangue.

Il capo criminale che dovrebbe gestire tutte le Banche in Europa è ackermann che vuole a tutti i costi un commissario per le finanze che assuma il controllo e potere sulle politiche finanziarie di ogni singolo stato UE, il tempo scorre e non è ammissibile lasciare in mano ai politici i controlli del proprio stato, ciò è un DIKTAT che và fuori da ogni regola descritta nel Trattato di Lisbona, “..dittatura pura che viene applicata anche con la violenza e aggressione militare come di già ha fatto Sarkozy con la Merkel e Berlusconi” ...ciò vuol anche dire che ogni singolo Stato non esisterebbe più, si creerebbero delle piccole regioni (come vuole la Lega) che verrebbero gestite da Commissari che nessuno ha eletto, i Parlamenti Nazionali non hanno più nulla da dire (già lo stanno applicando), per controllare tutto questo c’è bisogno di un esercito e di un apparato di Polizia Europea (già costituita con la Eurogendfor) che mantiene ordine a tutti i costi.

L’Elite della finanza che è sotto controllo dei Rothschild vuole un Superstato “la EUDSSR”, costruita non Democraticamente ma che abbia le sembianze Democratiche = Dittatura, il popolo dovrà accettare dopo la martellante Propaganda che i media avranno fatto per condizionarlo e prepararlo all’anestesia totale, solo allora le Banche e l’Industria potranno fare quello che vogliono, ..e cosa vogliono fare? Dirigere i capitali e le somme di denaro dal basso verso l’alto come di già è in atto, impoverire sempre di più i cittadini fino a renderli schiavi e farli lavorare fino alla fine dei loro giorni senza pausa, indirizzarli al consumismo sfrenato, controllati in ogni movimento e discussione, il tutto per la nostra salute e sicurezza??

Ma tutto questo non basta, per risolvere i problemi del mondo ci vuole un Governo Mondiale e quindi deve essere fondata una Unione Mondiale che potrà risolvere tutti i problemi esistenti, per raggiungere questo obiettivo è chiaro che anche tutti gli altri stati/nazioni e continenti debbano essere messi sotto controllo di questa Elite assatanata di potere, ciò comporta un risico molto più grande di quello Europeo.

Conclusione: prepariamoci a un evento Apocalittico di immaginabili dimensioni, quello che abbiamo visto con l’aggressione alla Libia e altri piccoli stati Africani è un Antipasto con 4 olive e qualche bruschetta. Solo se i Popoli saranno in grado di acquisire quella coscienza di autodeterminazione e volontà di Democrazia vera e propria abbandonando l’euforia del consumismo, mettendo da parte l’egoismo che hanno costruito con passare degli anni e decenni, riscoprendo il sociale e la famiglia, si potrà sconfiggere questa Elite di Criminali e assetati di sangue, prima cosa da sconfiggere e da eliminare sono i Mass Media dato che sono loro a lavare il cervello dei cittadini dirigendoli verso una via senza uscita.

Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it

0 0
Vote up!
Vote down!