Notizie su mercato immobiliare ed economia

Smart working e mercato immobiliare, quali sono i nuovi trend

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Con la diffusione dello smart working, come sta cambiando il mercato immobiliare? Vediamo quanto emerso dalle indagini condotte dall'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa.

Lo smart working sta inevitabilmente influenzando anche il mercato immobiliare. Secondo le indagini condotte dall'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa sul segmento della prima casa, il trend più evidente è quello relativo allo spostamento verso l'hinterland di grandi città oppure verso altre province

In base a quanto emerso, chi può proseguire con lo smart working ha optato per una prima casa in zone con una migliore qualità abitativa, considerando che deve raggiungere la sede di lavoro solo se necessario o poche volte a settimana.

Ma lo smart working ha influenzato il mercato immobiliare anche su un altro fronte. Secondo gli affiliati del Gruppo Tecnocasa, chi ha una casa vacanza di proprietà al mare, in montagna o al lago l'ha sfruttata in particolar modo durante il lockdown proprio grazie alla possibilità di fare smart working. In questo momento, durante questa nuova ondata di pandemia, si stanno registrando nelle località turistiche richieste di affitti per la stagione estiva e alcuni potenziali clienti richiedono affitti più lunghi.

L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha poi evidenziato che i valori hanno tenuto nel corso del 2020, che la domanda è elevata e che si registra un aumento delle compravendite di casa vacanza passate del 5,8% del 2019 al 6,5% del 2020.

Per quanto riguarda nello specifico il mercato delle località turistiche, l'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha evidenziato che dopo il primo lockdown molti hanno espresso il desiderio di acquistare la casa in località turistiche, spinti anche dal timore di non potersi spostare. E "il turismo di prossimità ha aiutato questo segmento che ha espresso maggiori sofferenze dove c’era una domanda prevalentemente straniera". 

Anche quest'anno però, così come nel 2020, sul mercato turistico, in cui si muovono acquirenti non residenti e stranieri, pesa il divieto di spostamenti tra regioni. E in alcune regioni, già a partire da gennaio è iniziata la ricerca della casa in affitto per la stagione estiva e non solo.