Notizie su mercato immobiliare ed economia

Paniere Istat 2019, cresce il peso dei costi per la casa

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Cresce il peso della spesa per beni e servizi per la casa nel paniere Istat 2019, che rappresenta l’aumento più alto tra le voci che compongono l’indice dei prezzi al consumo.

Come ogni anno l’aggiornamento del paniere tiene conto dei cambiamenti emersi nelle abitudini di spesa delle famiglie italiane, dell’evoluzione di norme e classificazioni e in alcuni casi arricchisce la lista dei prodotti o dei servizi che rappresentano consumi consolidati.

Questo dato potrebbe anche suggerire un cambio di rotta nelle abitudini delle famiglie italiane, che iniziano a privilegiare le soluzioni di sharing per spostarsi e allo stesso tempo cominciano a investire in maniera più convinta sulle soluzioni ad alto risparmio energetico per la casa.

Nel 2019 entra nel paniere Istat anche l’energia elettrica del mercato libero, che rappresenta ormai una parte consistente del mercato dell’energia elettrica nel nostro Paese. Sempre in riferimento alla spesa per la casa, entrano tavolo, sedia e mobile da esterno che permettono di coprire la sottoclasse dei Mobili da giardino, prevista dalla classificazione ECoicop.

Esce dal paniere, invece, la lampadina a risparmio energetico, ormai sostituita nelle decisioni di acquisto delle famiglie dalla più moderna e performante lampadina a led, già presente nel paniere dei prezzi al consumo.

Tra l’altro, l’aumento più evidente, in termini assoluti, è quello della divisione di spesa abitazione che conteggia acqua, elettricità e combustibili (+0,2323%) per via del cosiddetto “effetto rivalutazione” che incide soprattutto sui beni energetici regolamentati, i cui prezzi a dicembre hanno registrato, rispetto alla media del 2017, un aumento dell’11,3%. Tra i beni, l’incidenza dei Beni energetici resta stabile a 8,87%.