Notizie su mercato immobiliare ed economia

Pertinenze prima casa: si paga l'Imu?

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Uno dei dubbi più frequenti dei contribuenti è: si paga o no l'Imu sulle pertinenze della prima casa? Vediamolo insieme.

Pertinenze prima casa Imu 2020

Prima di tutto dobbiamo definire cosa si intende per pertinenze. L'articolo 8 comma 3 del Dlgs 23/2011 prevede che "per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali:

  • C/2 magazzini e locali deposito, quindi soffitti e cantine;
  • C/6, autorimesse, quindi box e posti auto in garage;
  • C/7, tettoie chiuse o aperte.

Ai fini Imu è prevista l'esenzione dal pagamento (in maniera analoga a quanto avviene per la prima casa) "nella misura massima di un'unità pertinenzale per ciascuna delle categorie catastali ammesse, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo". Quindi saranno al massimo tre le pertinenze esenti, ciascuna appartenente a una delle diverse categorie catastali.

Nel caso in cui ci siano più pertinenze accatastate nella stessa categoria, il contribuente avrà la facoltà di scegliere quella su cui far valere l'esenzione.

Per l'esenzione non fa differenza che si tratti, o meno, di immobili acquistati insieme all'appartamento o in un secondo momento, e neppure che si tratti di immobili all'interno dello stesso palazzo o dello stesso condominio. Niente esenzione se invece la pertinenza si trova in un altro quartiere o comunque a una certa distanza dall'abitazione principale.

Le aliquote Imu 2020 per le pertinenze prima casa

Come detto sopra, le pertinenze di alcuni immobili (abitazioni principali o unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale) possono essere esenti Imu. Invece Per l’abitazione principale di lusso (accatastata come A1, A8 e A9) e le relative pertinenze, l’aliquota base è dello 0,5% che il Comune può portare allo 0,6%.