Notizie su mercato immobiliare ed economia

Chi può chiedere un mutuo al 100%

Autore: Redazione

Prima del 2007 erano i più pubblicizzati, ma oggi sono praticamente scomparsi. I famosi mutui al 100% esistono solo per poche,  pochissime situazioni. Per questo, sempre più spesso, molti rinunciano all’acquisto della casa perché non hanno il capitale iniziale o chiedono un prestito a parenti o amici. O rimangono in affitto, sperando di riuscire a mettere da parte almeno 60mila euro, per coprire le spese iniziali, di notaio e soprattutto la differenza tra il valore della casa e il prestito. Tuttavia, questi sono i pochi casi in cui il mutuo al 100% è ancora possibile:


Si rivolgono in particolare alle giovani coppie o cittadini extra-ue con residenza in Italia, che possono sostenere un buon rapporto rata/reddito ma che non dispongono della liquidità sufficiente per abbassare il loan to value (il rapporto tra valore del prestito e dell'immobile) sotto la soglia del l'80% (il limite massimo previsto dal testo unico delle leggi bancarie oltre il quale è necessario che l'istituto erogante stipuli un'assicurazione). Per questa categoria l'unica alternativa all'affitto è un mutuo al 100%


Mutui che, nella norma, costano circa 20-30 punti base in più rispetto al corrispettivo prestito con un loan to value entro l'80%, proprio perché incorporano i costi (o una parte di essi) relativi all'assicurazione che la banca deve stipulare per garantire la somma eccedente l'80 per cento. In pratica il mutuo al 100% esiste solo per persone giovani o stranieri, con ottime garanzie lavorative e che, ovviamente, non hanno potuto mettere da parte i soldi necessari a coprire il 20%, per la loro giovane età o per la poca permanenza in Italia


Ma ricordatevi: sono più cari e quindi pensateci bene: forse vale la pena risparmiare qualche anno a poi comprare ad altre condizioni


Tra le offerte, intesa sanpaolo, con la linea domus, con cui eroga finanziamenti al 100% per durate fino a 40 anni e importi fino a 300mila euro (250mila euro per la linea giovani). L’offerta della banca popolare di Bari è strutturata per importi fino a 300mila euro, con spread che partono dall'1,35 e arrivano all'1,8 per cento. Anche creacasa, società del gruppo credem, estende al 100% la linea dei propri mutui, sia a tasso fisso che variabile (agganciato all'euribor a tre mesi. Poi c’è chi  finanzia fino al 120 per cento. Il prodotto in questione, "mutuo trasgressivo" di Veneto banca, è stato introdotto nel 2004

Se ti ha interessato questa notizia vedi la classifica dei migliori mutuo a tasso misto, variabile e fisso

O come comprare casa se non hai un lavoro fisso