Notizie su mercato immobiliare ed economia

Governo 2018, le ultimissime sulle nuove misure economiche

Wikipedia
Wikipedia
Autore: Redazione

Nel pomeriggio di venerdì 1° giugno 2018 il governo Conte ha giurato fedeltà alla Repubblica. Dopo aver poi ottenuto la fiducia al Senato e alla Camera, i riflettori si sono spostati sulle politiche economiche, che tanta attenzione hanno destato proprio al momento della sua formazione. 

Dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo definitivo della manovra economica 2019, sono state rese ufficiali le misure più importanti e dibattute: dalla pace fiscale alla quota 100, fino al reddito di cittadinanza.

 

Manovre governo 2018

Dopo la diatriba sul nome di Paolo Savona, in un primo momento destinato al Ministero dell’Economia e poi passato al Ministero degli Affari Europei, il dicastero di via XX Settembre è andato a Giovanni Tria. Spetta a lui mettere in atto gli interventi elencati nel contratto per il governo del cambiamento redatto dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega. Vediamo dunque quali sono le possibili manovre del governo in ambito economico.

Pace fiscale, le ultimissime del nuovo governo

L'accordo raggiunto dopo un lungo braccio di ferro sulla pace fiscale, inserita nel decreto fiscale collegata alla legge di bilancio, stabilisce un'aliquota al 20% per sanare le pendenze di chi ha già presentato la dichiarazione dei redditi.

Inoltre, è prevista l'opzione di dichiarazione integrativa ma con la possibilità di far emergere fino ad un massimo del 30% in più rispetto alle somme già dichiarate e comunque con un tetto di 100.000 euro per periodo d'imposta.

Per ridurre il contenzioso, si possono anche sanare le liti con il fisco pagando senza sanzioni o interessi il 20% del non dichiarato in 5 anni in caso di vittoria del contribuente in secondo grado (o il 50% in caso di vittoria in primo grado).

Con la rottamazione ter delle cartelle Equitalia saranno cancellati sanzioni e interessi, dilazionando i pagamenti in 20 rate in 5 anni e arriverà lo stralcio delle minicartelle sotto mille euro accumulate dal 2000 al 2010.

Iva, niente aumento 2019

Il primo impegno del contratto di governo è la sterilizzazione degli aumenti Iva che sarebbero dovuti scattare dal primo gennaio 2019 (dal 10 all'11,5% per l'aliquota più bassa, dal 22 al 24% per quella più alta).

Def

Il Documento di economia e finanza (Def) è stato approvato dal Consiglio dei ministri il 27 settembre 2018. Presentando il Def, prima dell’arrivo in Parlamento, Lega e M5s hanno specificato che le misure della prossima manovra partiranno a inizio 2019 e saranno finanziate con 20 miliardi di euro: 9 per il reddito di cittadinanza, 7 per riformare la Fornero, 1 miliardo per i centri per l'impiego, 2 per la flat tax e 1 per le assunzioni straordinarie. Il rapporto deficit/Pil, inoltre, sarà fissato al 2,4% nel 2019, al 2,1% nel 2020 e all'1,8% nel 2021.

Flat tax nuovo governo

Per le imprese e i professionisti con ricavi fino a 65.000 euro la flat tax è fissata al 15%, come si legge nel Draft Budgetary Plan inviato a Bruxelles. Nel documento è presente anche che una seconda soglia di 100.000 euro (entro la quale sarebbe dovuta scattare un'aliquota aggiuntiva del 5%) proposta dalla Lega, ma di più difficile da mettere in pratica.

Anche se il governo non esclude tuttavia che ci possa essere una modifica della norma nel corso dell'iter parlamentare della manovra, con un ampliamento della platea ai ricavi più alti.

Reddito di cittadinanza

Dovrebbe scattare in primavera l'atteso reddito di cittadinanza. L'assegno da 780 euro, caricato sul bancomat, con una sorta di monitoraggio sugli acquisti. Ci vorrebbero circa 9 miliardi, più un miliardo per rafforzare i centri per l'impiego.

Il sostegno sarebbe garantito solo a patto di frequentare corsi di formazione e di fare 8 ore settimanali di lavoro socialmente utile. Il reddito viene meno dopo il rifiuto di tre offerte di lavoro.

Pensioni governo 2018

Tra gli impegni di governo c’è sempre stato il superamento della legge Fornero. L'obiettivo è di garantire la possibilità di andare in pensione a chi tra età e contributi arriva a quota 100, probabilmente partendo dalla combinazione 62-38. Il costo è di 7 miliardi di euro e il meccanismo dovrebbe partire a febbraio.

Altro cavallo di battaglia del governo gialloverde è il taglio delle pensioni d’oro. Ovvero quelle sopra i 4.500 euro netti al mese, che porterà nelle casse dello Stato un miliardo di euro nell'arco di un triennio.

Governo Conte ministri

Di seguito tutti i ministri del nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte:

Presidente del Consiglio – Giuseppe Conte

Vicepresidente del Consiglio e Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico – Luigi Di Maio

Vicepresidente del Consiglio e Ministro dell’Interno – Matteo Salvini

Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta – Riccardo Fraccaro

Pubblica Amministrazione – Giulia Bongiorno

Affari Regionali e Autonomie – Erika Stefani

Ministro per il Sud – Senatrice Barbara Lezzi

Ministro per la Famiglia e le disabilità – Lorenzo Fontana

Ministro Affari esteri – Moavero Milanesi

Ministro della Giustizia – Alfonso Bonafede

Ministro della Difesa – Elisabetta Trenta

Ministro dell’Economia – Giovanni Tria

Ministro delle Politiche agricole – Gianmarco Centinaio

Ministro dell'Ambiente - Sergio Costa

Ministro delle Infrastrutture – Danilo Toninelli

Ministro dell’Istruzione – Marco Bussetti

Ministro dei Beni Culturali e Turismo – Alberto Bonisolidi

Ministro della Salute – Giulia Grillo

Ministro degli Affari Europei – Paolo Savona

Sottosegretario Presidente del Consiglio – Giancarlo Giorgetti

Articolo visto su
Agenzia (Agenzia)